FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
33,211,272Confermati
1,000,587morti
24,532,384Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
James Hyerczyk

Lunedì i future sul petrolio greggio statunitense West Texas Intermediate e quelli sullo standard internazionale, il Brent, si muovono su terreni contrastanti, in una giornata caratterizzata da un volume di scambi estremamente basso a causa delle festività degli Usa. Oggi il Chicago Mercantile Exchange, la Borsa di New York e il Tesoro degli Stati Uniti sono chiusi, quindi più tardi il trading potrebbe entrare in stallo. Gli scambi in atto avvengono sul mercato telematico, il che di solito presuppone un volume inferiore alla media, ma non necessariamente al di sotto della volatilità media. Capita che dei trader possano approfittarne e potremmo osservare picchi di volume. Oggi anche gli orari di trading sono limitati.

Alle 10:25 GMT, i future sul greggio WTI con scadenza ad aprile si attestano a $ 56,17, in rialzo di $ 0,19 (+0,34%), mentre i future sul greggio Brent con scadenza ad aprile si attestano a $ 65,92, in calo di $ 0,33 (-0,50%).

I prezzi stanno arretrando di inizio sessione dopo che la Cina ha riportato un calo delle vendite di automobili a gennaio per il settimo mese, suscitando preoccupazione circa la domanda di combustibile nel secondo maggior utilizzatore di petrolio. Secondo il report di un’associazione industriale, il mese scorso le vendite di veicoli cinesi sono diminuite del 15,8% rispetto allo stesso mese del 2018. Continua la tendenza del 2018, in cui la Cina ha registrato il primo calo annuale delle vendite di veicoli mai registrato.

Il rapporto prosegue dicendo che a gennaio le vendite di cosiddetti veicoli a nuova energia, che includono i veicoli elettrici, hanno registrato un aumento del 140%, sottolineando le aspettative che nei prossimi anni la domanda di petrolio delle auto potrebbe raggiungere il picco in Cina. I trader continuano ad aspettarsi che i tagli alla produzione promossi dall’OPEC riducano l’eccesso globale e stabilizzino i prezzi. Inoltre, i mercati stanno anche ricevendo sostegno dalle sanzioni statunitensi sulle esportazioni di petrolio venezuelano. Le speranze di un accordo commerciale tra Stati Uniti e Cina contribuiscono a dare supporto ai prezzi.

Fra le altre notizie, la scorsa settimana le imprese statunitensi dell’energia hanno aumentato il numero di piattaforme petrolifere operative di tre unità, per un totale di 857 (dati di Baker Hughes, società di servizi energetici, in un rapporto settimanale pubblicato venerdì scorso). Il numero di impianti è ora superiore a quello di un anno fa. L’andamento dei prezzi di oggi indica con forza che la domanda è ancora una delle maggiori preoccupazioni, nonostante i problemi di approvvigionamento che hanno catturato i titoli delle ultime settimane. Quello che abbiamo imparato oggi è che c’è una domanda speculativa e c’è una domanda reale. La domanda speculativa è legata all’accordo commerciale tra Cina e Stati Uniti: non è ancora reale. Il rapporto sulle vendite di veicoli peggiore del previsto di oggi dalla Cina è la realtà, ed è per questo che i prezzi si muovono in ribasso.

 

 

Pubblicita'
Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio