Parità: il franco svizzero, l’euro e la sterlina

Bob Mason

I mercati amano parlare di parità, un evento determinante per le coppie valutarie che a volte si manifesta con rotture storiche, altre che con segnali di tracollo dell’economia.

All’inizio dell’anno, lo yen è salito fino al di sotto dei 100¥: un rialzo che nessuno si sarebbe mai aspettato, una parità eccezionale che improbabilmente verrà di nuovi raggiunta, ammettendo che l’amministrazione Trump faccia ripartire l’economia degli Stati Uniti. Attualmente, la coppia USD/JPY è a quota 118,14¥, prossima ai 120¥.

Il cambio tra dollaro e franco svizzero è stato dato per favorito per la parità, con le puntate sul dollaro che raggiungevano i 1000 CHF, molto meglio del cambio tra euro e dollaro, con la valuta degli Stati Uniti che ora pare pronta a mantenere la parità nel prossimo futuro, spinta dalle previsioni pubblicate dal Fomc nella giornata di mercoledì. La conferenza stampa tenuta dalla Bns nella giornata di ieri ha, invece, notevolmente pesato sul franco svizzero. Jordan ha, infatti, ricordato ai mercati non soltanto la volontà della Bns di intervenire, ma li ha anche avvertiti della possibilità di maggiori tagli dei tassi nel breve periodo. Rimane da vedere se, con la posizione tanto da falco assunta dalla Fed, la stabilità del mercato sia sostenibile.

Nella giornata di giovedì, il dollaro ha guadagnato lo 0,94% sul franco svizzero, spinto dalla combinazione delle previsioni pubblicate dal Fomc nella giornata di mercoledì con la conferenza stampa della Bns. La coppia ha rotto gli 1,10 franchi svizzeri per l’ultima volta a metà del 2010.

Dato che, in Europa e negli Stati Uniti, verranno pubblicati ben pochi dati, oggi è giorno di profitti, con il dollaro che si è mosso in ribasso contro le principali valute: ad esempio, dello 0,17% contro il franco svizzero. Al momento della pubblicazione di questo articolo, l’indice del dollaro spot cede lo 0,08%.

Poi c’è l’euro, più un sogno che una realtà, con la combinazione di sostenuto ribasso della moneta unica europea e rialzo del dollaro che in passato ha eluso i mercati, la Fed che ha dovuto rinunciare a innalzare i tassi nel 2015 e nel 2016, provocando il deprezzamento del dollaro mentre il carry trade alimentava l’apprezzamento dell’euro durante i periodi di tensione sui mercati e con la moneta unica europea che ha prevalso come valuta di finanziamento grazie alla politica monetaria della Bce.

Oggi, la corsa del dollaro verso la parità sembra più plausibile che mai. I dati macroeconomici sugli Stati Uniti sostengono la propensione al rischio dei mercati, quelli su Cina ed Eurozona supportano la crescita e le banche centrali paiono pronte a rimanere accomodanti.

Per quanto riguarda la coppia EUR/USD, è più una questione di quando che di se sarà necessario un nuovo innalzamento dei tassi e quando le politiche di stimolo di Trump porteranno la valuta degli Stati Uniti a 1,0000$. Al momento della redazione di questo articolo, l’euro si assesta a 1,0447$, in  ribasso rispetto all’apprezzamento dell’1,16% e al massimo intragiornaliero di 1,03664$ segnati nella giornata di giovedì. La riscossione dei profitti pesa sul dollaro.

Quando l’euro raggiungerà la parità col dollaro, l’attenzione si volgerà alla coppia GBP/USD?
Si è parlato un poco di una simile eventualità e, per il momento, con la parità meno probabile della permanenza della Gran Bretagna nell’UE. L’ultima volta che la coppia si avvicinò alla parità fu nel febbraio del 1985., quando la sterlina crollò dal massimo dei 2,44$ raggiunto alla fine del 1980 a 1,05$.

Ci si aspettava che i verbali della Banca d’Inghilterra, pubblicati nella giornata di giovedì, avessero toni maggiormente da falco. Ed è stato tutto il contrario. Il Comitato per la Politica Monetaria ha previsto un rallentamento della crescita nel 2017, pur sostenendo che un superamento dell’obiettivo di inflazione del 2% nel breve e medio periodo è meno probabile. Ciò lascia la divergenza di politica monetaria del tutto a favore del dollaro, anche senza considerare il Brexit. Ci vorrà molto perché la coppia rompa 1$: la parità tra GBP e USD sarà soltanto un argomento secondario rispetto al cambio tra dollaro e euro.

Al momento della pubblicazione di questo articolo, il cambio tra sterlina e dollaro si asseta a 1,2427$ a causa della riscossione dei profitti. Nel breve periodo, è consigliabile mantenere un atteggiamento da colomba nei confronti della sterlina e da falco verso il dollaro, non soltanto contro la valuta del Regno Unito, ma contro tutte le principali valute.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI