Amazon costruisce il suo aeroporto negli USA per Prime Air

Amazon costruirà il suo aeroporto negli USA per far volare gli aerei ed i droni della sua compagnia aerea Prime Air. Non un sogno ma una realtà già dal 2021.
Fabio Carbone
Amazon

Jeff Bezos fondatore di Amazon sembra non avere limiti e dopo avere annunciato pubblicamente che la sua compagnia spaziale Blue Origin, è pronta ad andare sulla Luna, torna sulla Terra ma solo per costruire un aeroporto e far decollare i suoi aerei che dovranno spedire da una parte all’altra degli USA i suoi prodotti.

L’aeroporto, secondo quanto riporta Teleborsa, verrà costruito nel Kentucky a poca distanza dall’esistente aeroporto di Cincinnati. Bezos non si accontenta quindi di costituire una sua compagnia aerea per trasportare i suoi prodotti, ma vuole il suo Amazon Airport più compagnia aerea privata annessa.

Potrebbe interessare: Amazon e abuso di posizione dominante.

L’aeroporto Amazon pronto nel 2021

Non c’è tempo da perdere, gli 1,5 miliardi di dollari investiti per realizzare l’aeroporto Amazon devono fruttare presto, nel 2021 dovrà essere già operativo ed i primi pacchi del programma Amazon Prime dovranno essere spediti negli Stati Uniti d’America a bordo di un aereo Amazon.

L’aeroporto, ha affermato Bezos, consentirà ad Amazon.com Inc. di spedire più rapidamente i propri pacchi, perché non dovrà più dipendere da nessuno.

 

Potrebbe interessare: Amazon e lo sviluppo digitale in Italia.

Amazon Prime Air è pronta al decollo

Amazon Prime Air è il sistema di consegna Amazon in fase di progettazione che prevede la consegna di prodotti a casa dei clienti in 30 minuti, attraverso il ricorso ai droni (qui tutto il progetto).

Prime Air dispone già di una flotta di aerei composta da 12 Boeing 767-200 e 27 Boeing 767-300, mentre altri 10 aerei sarebbero già stati ordinati.

L’area prescelta per l’aeroporto è di 40 mila metri quadrati, ed ospiterà aerei con pilota e droni con piloti a terra, che effettueranno consegne a domicilio in aree difficili da raggiungere dai normali servizi di spedizione.

Nell’aeroporto verranno collocate almeno 2.000 risorse, ma potrebbero anche essere di più.

Un aeroporto naturalmente non basta e Amazon starebbe già stringendo accordi con altri aeroporti, tra cui Linder in Florida e Rockford a Chicago, per avere dei terminal aggiuntivi da cui smistare le sue spedizioni in tutti gli USA.

Prime Air è già operativo in via sperimentale

Come mostra il video qui sotto, i droni di Prime Air sono già operativi dal 2015 anche se in una fase di test preliminare.

Il 7 dicembre 2016 avveniva il primo volo test reale fuori dagli USA, a Cambridge nel Regno Unito. Nel video si vede un cliente acquistare un prodotto dal tablet e un piccolo drone arrivare a casa del cliente in 13 minuti.

In futuro spedizioni con i droni?

Pensare ad un futuro in cui sarà normale vedere droni consegnare prodotti come oggi è normale vedere i camion sulle strade (così afferma Amazon), non è detto che sarà possibile ovunque.

Un servizio del genere deve tenere conto di molti fattori. Nei pressi di un aeroporto è molto difficile che si possa concedere la licenza per operare questo tipo di servizio.

Difficile, poi, che esso possa essere praticato in una città densamente popolata per vari fattori:

  1. Dove atterrerebbe il drone?
  2. Sovraffollamento di droni e rischio di collisioni.
  3. Rischio avaria dei droni e conseguente caduta sulle teste dei passanti.
  4. Minaccia potenziale per le specie di volatili.

Un bel futuro, ed anche affascinante, ma meglio restare con i piedi per terra e consentire un servizio di questo tipo dove realmente necessario e fattibile, in sicurezza per tutti.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker