FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, Seguila Guida
Mondo
100,362,196Confermati
2,151,794morti
72,415,920Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
Banca Centrale Europea

Dalle parole di Francois Villeroy de Galhau, responsabile della politica della Banca Centrale Europea (BCE) e Governatore della Banca di Francia, si apprende che la BCE sarebbe interessata ad esplorare l’uso delle stablecoin.

Come noto la posizione del presidente della BCE Mario Draghi è critica nei confronti delle criptovalute, che egli considera non vere monete e lo ha ribadito la settimana scorsa.

Tuttavia Villeroy pensa che possa esserci un ruolo nel futuro per le stablecoin, come asset digitale che simula il dollaro e l’euro. Ovvero un asset digitale legato a fondi in euro realmente posseduti dalla Banca Centrale: anche se la BCE può battere moneta quando vuole e quanta ne vuole, quindi potrebbe per assurdo generare stable coin all’infinito, ma questo è un altro discorso.

La Banca di Francia osserva le stablecoin

Il Governatore della Banca di Francia il signor Villeroy, da Parigi ha detto che si osservano “con grande interesse le iniziative nel settore privato volte a sviluppare reti che usano stable coin da usare in transazioni che riguardano titoli o beni e servizi ‘tokenizzati’.”

E, sempre come riporta Bloomberg, Villeroy avrebbe sottolineato il fatto che le stable coin e questo specifico ambito applicativo, “sono molto differenti dagli asset speculativi come il bitcoin, e molto più promettenti”.

In definitiva Villeroy boccia Bitcoin ma promuove le stable coin.

Pubblicita'

Per non perdere il punto di partenza

Ricordiamo, però, che se oggi si parla di tokenizzazione di asset e se si parla di stable coin legate alle valute fiat, è perché il 3 gennaio 2009 un certo Satoshi Nakamoto ha generato il genesis block di Bitcoin. Possiamo a ragione considerare quella data il Big Bang della crypto economy e senza di esso, nessuna di queste parole si potrebbero oggi scrivere o leggere.

Conviene ricordarlo, così come è importante ricordare che il protocollo Bitcoin fino ad oggi ha dato prova di grande stabilità e sicurezza, pur nei suoi limiti.

Non si può dire lo stesso di Ethereum, di Ethereum Classsic, o degli hard fork derivati da Bitcoin, tra i quali ricordiamo Bitcoin Gold e il caso di oggi Bitcoin Cash che, durante l’hard fork, ha mostrato “qualche problemino” di stabilità.

Le banche pensano alle stable coin

Le banche puntano alle stable coin, l’intento è di “domare le criptovalute” perché facciano quello che dicono loro.

J.P. Morgan Chase & Co. ha sviluppato la sua stable coin (JPM Coin) per velocizzare i pagamenti tra i clienti corporate.

La banca francese Societe Generale SA, sta sperimentando una nuova forma di obbligazione come token digitale, che per ora ha emesso a se stessa come bond del valore di 100 milioni di euro. L’intento è quello di emettere obbligazioni tokenizzate come nuovo strumento finanziario, da offrire agli investitori.

Le Banche centrali studiano le stable coin

Anche la Banca Centrale dell’Iran starebbe progettando la sua blockchain, di nome Borna, dove potrebbe implementare una propria stable coin.

In questo caso l’intento potrebbe essere chiaramente classificato come un metodo per aggirare le sanzioni degli Stati Uniti d’America e continuare così a finanziare il paese con capitali stranieri.

La piattaforma Borna ha un suo sito web in lingua araba: bornaplatform.com. Il sito però non ha nulla di governativo e appare più come uno dei tanti siti web nati per accogliere progetti legati al settore delle tecnologie digitali.

Concludendo

Ad ogni modo, mentre la BCE e il Governatore della Banca di Francia Villeroy studiano attentamente le stablecoin, il prezzo del bitcoin è a quota 8.044 USD.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI