FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, Seguila Guida
Mondo
100,350,064Confermati
2,151,552morti
72,403,284Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Vladimir Zernov
STOCKAGE D’HYDROCARBURES

Video petrolio greggio 30.10.20.

 

Pubblicita'
Know where Greggio Wti is headed? Take advantage now with 

Il 75% dei conti degli investitori retail CFD perde denaro

Pubblicita'

Secondo quanto riferito, alcuni membri dell’OPEC + vogliono aumentare la loro produzione di petrolio dal 1 gennaio 2020

L’ondata di coronavirus e le misure antivirus recentemente annunciate nei paesi europei non lasciano all’OPEC + altra scelta se non quella di prolungare gli attuali tagli alla produzione di petrolio per almeno altri tre mesi.

Tuttavia, un recente rapporto Reuters ha suggerito che alcuni paesi – Kuwait, Emirati Arabi Uniti e Iraq – erano disposti a trovare un modo per aumentare la loro produzione all’inizio del prossimo anno.

È interessante notare che il Kuwait ha già affermato che il paese sosterrebbe qualsiasi decisione OPEC +, mentre Emirati Arabi Uniti e Iraq non hanno fatto alcun commento sui recenti rapporti.

L’Iraq ha i maggiori problemi poiché il paese è in una situazione economica scadente e ha bisogno di aumentare le sue entrate dalle esportazioni di petrolio.

Molto probabilmente, un’ulteriore debolezza dei prezzi del petrolio sarà sufficiente per convincere tutti i membri dell’OPEC + ad attenersi agli attuali tagli alla produzione invece di aumentare la produzione all’inizio del 2021. I negoziati diventerebbero più impegnativi se il petrolio tornasse al livello di $ 40.

Il petrolio ha bisogno di una pausa nel flusso costante di notizie ribassiste per avere una possibilità di rimbalzo

Questa settimana è stata piena di cattive notizie per il petrolio. La Francia ha annunciato un blocco a livello nazionale, la Germania ha deciso di chiudere bar, ristoranti e palestre mentre il numero di nuovi casi di coronavirus negli Stati Uniti ha continuato ad aumentare a un ritmo allarmante.

Inoltre, l’EIA ha riferito che le scorte di greggio sono aumentate di 4,3 milioni di barili. EIA ha anche affermato che la domanda di benzina è aumentata da 8,29 milioni di barili al giorno (bpd) nella settimana precedente a 8,55 milioni di bpd, ma è rimasta ben al di sotto dei 9,78 milioni di bpd registrati un anno prima. Vorrei anche notare che molti commercianti sono nervosi in vista delle elezioni statunitensi.

A breve termine, la principale speranza per i rialzisti del petrolio è che l’Arabia Saudita e la Russia acconsentano ad estendere gli attuali tagli alla produzione di petrolio e fare pressione sugli altri membri dell’OPEC + per rispettare l’accordo.

Ovviamente, questa speranza da sola non può fornire un supporto sufficiente ai prezzi del petrolio in un momento in cui vengono pubblicate quotidianamente ulteriori notizie ribassiste. In questa luce, il petrolio ha bisogno di una pausa in questo flusso di notizie ribassiste per avere la possibilità di consolidarsi vicino ai livelli attuali e preparare il terreno per un rimbalzo. Resta da vedere se il petrolio subirà una tale pausa durante la prossima settimana, che dovrebbe essere molto volatile a causa delle elezioni presidenziali statunitensi.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI