Taglio dazi, Cina conferma 50% su 75 miliardi di prodotti USA

Taglio dazi Cina – USA. Il governo cinese conferma il dimezzamento del 50% dei diritti doganali su 75 miliardi di prodotti USA.
Fabio Carbone
Taglio dazi Cina - USa

A seguito del primo accordo tra USA e Cina sulla guerra commerciale firmato lo scorso 15 gennaio a Washington, la Cina annuncia il taglio del 50% dei dazi su 75 miliardi di dollari di prodotti importati dagli Stati Uniti.

La norma entrerà in vigore dal prossimo 14 febbraio e riguarderà quei prodotti su cui il governo cinese si era scagliato l’1 settembre 2019 quale rappresaglia per il continuo innalzamento dei dazi da parte USA su prodotti cinesi.

Lo stesso giorno, il 14 febbraio prossimo, gli USA hanno previsto a loro volta una riduzione dei dazi su beni d’importazione cinese.

Si tratta quindi dell’attuazione del processo di distensione messo in atto dalle due super potenze commerciali e che ironicamente cadrà proprio il giorno di San Valentino. Ritrovato amore tra i due governi?

Potrebbe interessarti: Cina, andamento Borse, taglio tassi e manifattura: punto sulla situazione.

1600 beni USA interessati

La misura annunciata dal ministero delle Finanze cinese riguarderà ben 1600 prodotti importati dagli USA. A seconda della categoria merceologica del bene, i diritti doganali verranno ridotti dall’attuale 10% al 5% e dal 5% al 2,5%.

Potrebbe interessarti: Coronavirus e petrolio, OPEC+ pensa taglio della produzione.

I mercati finanziari ringraziano

I mercati finanziari hanno risposto positivamente alla notizia, con le borse europee che sono tutte in territorio positivo e le borse cinesi che recuperano qualche punto percentuale dopo il crollo verticale causato dal coronavirus ad inizio settimana.

L’indice della Borsa di Shenzhen SZSE Component è risalito del +2,87% riportandosi decisamente sopra i 10.600 punti dopo lo scivolone di lunedì 3 febbraio sotto i 9.700 punti.

Per quanto riguarda l’indice principale della Borsa di Shanghai, l’SSE Composite Index il recupero è stato del +1,72% e non ancora sufficiente a recuperare quanto perduto in una sola seduta il 3 febbraio scorso.

Prezzo dello yuan

Vediamo anche qual è l’andamento del prezzo dello yuan in una settimana così turbolenta per i mercati finanziari cinesi.

Il prezzo attuale di uno yuan è di 0,13 euro con un recupero quasi completo rispetto alla caduta del 3 febbraio a 0,128 euro. Al momento con un euro si comprano 7,66 yuan.

Se confrontiamo, invece, lo yuan con il dollaro, in questo caso con un dollaro si comprano 6,97 yuan o al massimo 7 yuan. Un renmimbi vale infatti 0,14 USD circa.

Turismo Italo – Cinese duramente colpito

Potrebbe essere molto salato il conto per il turismo italo – cinese se la situazione di crisi scatenata dal coronavirus non dovesse giungere a una soluzione in tempi rapidi.

Secondo Assoturismo Confesercenti potrebbe costare 1,6 miliardi di euro il conto all’Italia per la perdita dei turisti cinesi che si stimano siano arrivati a quota 13 milioni di presenze annuali.

Stime che vengono presentate come addirittura conservative e che potrebbero rappresentare una piccola ma significativa contrazione del Pil per un Paese, il nostro, che nel 2019 si è confermato a crescita zero.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI