Sale il Pil dell’Eurozona ma la produzione industriale frena

La Turchia spaventa ancora i mercati e c’è da giurarci che i prossimi mesi faranno ancora soffrire. I mercati sono debolmente tranquilli e in Italia lo spread tra Btp-Bund è calato lievemente rispetto ai massimi degli ultimi giorni. Nel frattempo arrivano i dati sul Pil dell’Eurozona e sulla produzione industriale nell’area euro.
Fabio Carbone
Produzione industriale

I dati sembrano essere tra loro in contrasto, ma fanno riferimento a periodi temporali differenti. Vediamoli nel dettaglio.

Il Pil nella Ue-19 nel secondo trimestre

I dati flash dell’Eurostat appena pubblicati dicono che il Pil della zona euro nel secondo trimestre 2018, che comprende anche la Ue-28, è cresciuto dello 0,4% rispetto al precedente trimestre. Un incremento identico a quello che si è registrato nel primo trimestre (+0,4%) sia nella Ue-19 che nella Ue-28 (comprendendo ancora il Regno Unito in fase di “Brexit”).

I dati forniti da Eurostat ci dicono che il Pil in Italia è in crescita dello 0,2% rispetto al trimestre precedente – sotto la media europea – e dell’1,1% su base annua.

Il Pil dell’euro zona e della Ue, su base annua, resta comunque in territorio positivo al +2,2%.

La produzione industriale in calo nella Ue-19

In calo, invece, la produzione industriale nella Ue-19. Il calo riguarda il mese di giugno, pari ad un -0,7%. Il calo non riguarda solo l’Eurozona ma anche la Ue-28 (comprende i paesi dell’Unione Europea dove non è ancora adottato l’euro come moneta unica) pari ad un meno 0,4%.

Ricordiamo che a maggio era aumentata dell’1,4% nella Ue-19 e dell’1,3% nella Ue-28.

L’Italia è in contro tendenza rispetto alla media europea, infatti, a giugno si registra un aumento dello 0,5% di produzione industriale, seppure in frenata rispetto al +0,8% del mese di maggio.

A pesare sui dati generali i cali registrati in Irlanda con un pesante -8,9%, Olanda (-1,3%), Ungheria (-1,2%).

Gli incrementi si sono registrati invece in Croazia con un +4,5% e nella sorprendente Romania con un +17%, quindi la Repubblica Ceca e la Finlandia con un +1,5% ciascuna.

Cosa ha fatto calare la produzione industriale nella zona euro

A far calare la produzione industriale nella zona euro i beni di investimento, i quali registrano un -2,9%, seguono i beni non durevoli con un -0,6%, i beni intermedi -0,5%, i beni durevoli -0,4%.

Solo la produzione di energia è aumentata dello 0,5%. In questo caso bisogna ricordare che i dati si riferiscono all’inizio dell’estate e che questa, in Europa, è stata una delle estati più calde che si ricordano. La Spagna ha quasi toccato i 50 gradi e Londra non è mai stata così calda. Quindi c’è da aspettarsi un incremento nei consumi di energia anche per luglio ed agosto a causa dell’uso dei condizionatori.

Il Pil della Germania trascina la “vecchia Europa”

I piccoli paesi europei dell’est crescono a ritmi incalzanti. La Romania a +17% è il segno chiaro di dove sta veramente crescendo il futuro dell’Europa.

Della “vecchia Europa” la Germania resta la locomotiva inarrestabile, il Pil segna un +0,5% nel secondo trimestre, mentre su base annua è in aumento al +2,1% tendenziale. Dati forniti dall’ufficio federale di Statistica tedesco Destatis.

Dati che sono, tra l’altro, leggermente superiori delle aspettative confermando l’ottimo stato di salute dell’economia tedesca.

Le minacce dei dazi e della crisi Turca

I dati generali presentati hanno molte criticità, ma in generale sono positivi per l’Europa. Oltre le frontiere del nostro continente due minacce attentano alla ripresa economica degli ultimi anni: la politica dei dazi imposta a gran parte del mondo dagli Stati Uniti d’America; la crescente crisi della vicina Turchia.

Ancora presto per vedere le ripercussioni di medio e lungo periodo di questi due fattori negativi, ma a fine anno potremo già avere qualche dato più certo sulla situazione.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI