FXEMPIRE
Tutti
Ad
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
Aggiungi ai segnalibri
titoli tecnologici

In questa fase storica assai critica dal punto di vista economico, si teme il ritorno dell’inflazione. Ma quando si parla di “ritorno dell’inflazione” non si intende un rialzo del +2% o del +3%, piuttosto di una “bomba” inflazionistica che le ultime generazioni non hanno sperimentato. Bisogna infatti andare indietro nel tempo e collocarsi negli anni 1970 per poter sperimentare significativi rialzi dei prezzi, tali da erodere significativamente il potere d’acquisto.

Questa fase storica sembra presentare tutti gli ingredienti giusti per un ritorno a quel “mostro”, ma non tutti gli analisti sono concordi.

Ora l’inflazione, oltre a pesare su altri settori, potrebbe pesare anche sui titoli tecnologici. Questi ultimi, infatti, durante la pandemia sono cresciuti in modo anche euforico sull’onda delle capacità e anche dei meriti che hanno avuto le società del settore. Grazie a loro è stato possibile far proseguire, almeno in parte, l’attività economica di svariati settori: lavoro a distanza; acquisti a distanza; comunicazioni a distanza.

Lo scenario attuale è però mutato, le economie riaprono ed è prevista una forte espansione nei prossimi mesi ed anni, che potrebbe favorire la crescita dell’inflazione. Per tale motivo si ipotizza uno spostamento verso i titoli obbligazionari, a discapito dei titoli azionari. E in questo movimento, i titoli tecnologici potrebbero avere la peggio perché durante la pandemia hanno fatto da sostituti dei titoli obbligazionari. In pratica i titoli tecnologici sono stati inquadrati come un buon rifugio per preservare l’investimento e ovviamente per farlo crescere.

Ma in una situazione di riapertura delle economie, i titoli azionari ciclici potrebbero essere favoriti e potrebbero esserlo in particolare quelli che dall’aumento dell’inflazione traggono vantaggio: qui i titoli azionari su cui investire nel post-pandemia.

In definitiva, i titoli tecnologici sono molto legati ai rendimenti obbligazionari e assumono per questo un andamento in controtendenza: all’aumentare dei rendimenti i tecnologici scendono e viceversa. Ciò avviene perché appunto i titoli tecnologici non sono considerati un comparto ciclico.

Meglio l’Europa che gli USA sui titoli tecnologici

In questo scenario, se l’inflazione dovesse effettivamente salire di molto e spingere gli investitori verso i rendimenti obbligazionari, e quindi costringerli ad abbandonare i titoli tecnologici, gli Stati Uniti sono quelli che soffrirebbero di più le perdite nei principali listini.

Basta vedere il Nasdaq, ma anche il Dow Jones, per capire come la maggiore capitalizzazione delle Borse statunitensi dipenda proprio da questo settore industriale.

In Europa, meno tecnologica degli USA, anche i listini delle varie borse hanno un mix più ampio e più sbilanciato su titoli azionari ciclici.

In definitiva, in uno scenario di notevole elevazione dell’inflazione sarà meglio spingersi verso titoli azionari ciclici con aggiunta di investimenti in titoli obbligazionari e ridurre al quanto l’esposizione nei titoli tecnologici.

Per conoscere tutti gli eventi economici del giorno e della settimana in Italia e all’estero, leggi il nostro Calendario Economico completo con tutti gli eventi in programma.

Pubblicita'
Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

DISCLAIMER IMPORTANTE
Il contenuto fornito su questo sito web include notizie generiche e pubblicazioni, le nostre analisi, opinioni personali e contenuti forniti da terze parti, che sono intesi solo per scopi di istruzione e ricerca. Non costituisce e non dovrebbe essere letto come raccomandazione o consiglio a intraprendere qualsiasi azione, inclusi investimenti o acquisti di qualsiasi prodotto. Prima di prendere qualsiasi decisione finanziaria, dovresti effettuare le tue proprie valutazioni, applicare la tua discrezione e consultare solo i soggetti competenti di tua fiducia. Il contenuto del sito web non risulta diretto personalmente a te e noi non possiamo tenere in considerazione la tua situazione finanziaria e i tuoi bisogni. Le informazioni contenute in questo sito non sono necessariamente fornite in tempo reale né risultano necessariamente accurate. I prezzi qui riportati potrebbero essere forniti da market makers e non dalle borse. Qualsiasi operazione di trading o altra decisione finanziaria che farai ricadrà sotto la tua piena responsabilità e non dovresti affidarti completamente a nessuna informazione fornita in tutto il sito. FX Empire non offre nessuna garanzia riguardante le informazioni contenute nel sito e non si può assumere alcuna responsabilità per qualsiasi perdita finanziaria di trading che puoi patire per esserti affidato a qualsiasi informazione contenuta in questo sito. Il sito web può includere pubblicità e altri contenuti promozionali e FX Empire può ricevere un compenso da terze parti in relazione al contenuto. FX Empire nono appoggia le terze parti, non raccomanda l'utilizzo di alcun servizio e non si assume la responsabilità per qualsiasi utilizzo di servizi o siti web forniti da terze parti. FX Empire e i suoi dipendenti, agenti, filiali e associati non sono responsabili e non dovrebbero essere ritenuti tali per alcuna perdita o danno risultante dal tuo utilizzo del sito o dal tuo affidamento sulle informazioni fornite su questo sito.
DISCLAIMERS DI RISCHIO
Questo sito include informazioni sulle criptovalute, contratti differenziali (CFDs) e altri strumenti finanziari, e sui brokers, le borse e altre entità che effettuano trading in questi strumenti. Sia le criptovalute che i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere il proprio capitale. Dovresti considerare attentamente se comprendi il funzionamento di questi strumenti e se puoi permetterti di sostenere il rischio elevato di perdere il tuo denaro. FX Empire ti incoraggia a effettuare le tue ricerche personali prima di effettuare qualsiasi decisione d'investimento, e di evitare di investire in qualsiasi strumento finanziario di cui tu non abbia una comprensione completa sul funzionamento e sui suoi rischi.