FXEMPIRE
Tutti
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
13,776,752Confermati
588,635morti
8,193,323Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
Kik Messenger

La U.S. SEC (Securities and Exchange Commission), ha citato in giudizio Kik Messenger per la sua ICO del 2017. Kik è molto popolare negli Stati Uniti d’America, dove ha un bacino di utenza principalmente di teenager.

Secondo la SEC, la initial coin offering attraverso la quale la società ha raccolto 100 milioni di USD era da considerarsi un security token da registrare presso la SEC.

In quasi 50 pagine di denuncia, la SEC spiega le motivazioni per cui KIK Interactive Inc. è stata citata in giudizio a causa del suo Kin token.

Secondo l’Autorità americana, Kik avrebbe dovuto registrare la sua ICO presso la SEC, non solo, l’accusa è anche più grave perché gli investitori non avrebbero ricevuto le adeguate informazioni circa la raccolta fondi. Questa l’accusa rivolta all’azienda IT.

La legge del 1933 che sanziona la ICO del 2017

La legge che negli USA regolamenta l’offerta e la vendita di valori finanziari risale al 1933 (Securities Act of 1933), ed è stata modificata il 24 maggio 2018.

La legge prevede che chiunque voglia offrire e vendere valori finanziari come forma di investimento pubblico, deve fornire informazioni sufficienti ed accurate che consentano all’investitore di prendere decisioni informate prima dell’investimento.

Un po’ come avviene in Italia, gli investitori devono essere informati adeguatamente prima di fargli sottoscrivere un qualsiasi forma di investimento.

Pubblicita'

Kik avrebbe dovuto richiedere l’autorizzazione

La denuncia accusa Kik di non aver presentato all’Autorità competente la richiesta di istituire tale offerta iniziale di token, perché in quella sede avrebbe potuto ottenere o meno l’esenzione dall’applicazione del Securities Act of 1933. Inoltre, non avrebbe potuto condurre la sua ICO fino all’approvazione da parte della SEC.

Una accusa difficile da confutare

Coindesk.com riporta le analisi di alcuni esperti, secondo i quali sarà difficile per Kik Inc. riuscire a vincere la battaglia legale contro la SEC, perché la denuncia presentata è stata ben preparata e l’accusa regge.

L’accusa reggerebbe perché in questo caso si tratterebbe di una violazione puramente regolamentare, prevista dalle normative esistenti: Kik avrebbe dovuto richiedere la registrazione della sua token sale ma non lo ha fatto.

La US SEC con le ICO?

Non è la prima volta che la US SEC denuncia una ICO, lo ha fatto anche contro la Ethereum Foundation a maggio del 2018. Ma tante altre ICO sono state denunciate dalla SEC per non aver rispettato le leggi federali.

La SEC è vista un po’ come il cattivo che non ama le ICO, nei fatti il contrasto si genera perché ambo le parti restano sulle proprie posizioni: il vuoto normativo e la poca predisposizione delle startup a mettersi a norma.

Da un lato il Regolatore con i suoi tempi burocratici e l’incapacità di comprendere fino in fondo un mondo in rapido mutamento; dall’altra la mancanza di competenze legali e/o l’impossibilità finanziaria delle nascenti società dell’industria blockchain o prese di posizione ideologiche.

La risposta di Ted Livingston CEO di Kik Messenger

“Ci aspettavamo questo da molto tempo, e accogliamo con favore l’opportunità di poter combattere per il futuro delle criptovalute negli Stati Uniti. Speriamo che questo caso possa mettere in evidenza come la legge sulle securities non si possa applicare a monete usate da milioni di persone in dozzine di applicazioni” mobile.

Concludendo

La battaglia si giocherà sui cavilli legali e Kik Inc. come si può apprendere dal comunicato stampa, non la darà vinta ma combatterà fino all’ultimo per dimostrare che il suo token non è una securities, ma un token di utilità utilizzato nelle sue app da milioni di persone.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio