FXEMPIRE
Tutti

Il rapporto sull’occupazione in Australia delude le aspettative

David Frank

La notizia della mattinata, scanso ulteriori aggiornamenti, è di sicuro la grande occasione mancata nel report occupazionale Australiano. Gli operatori si aspettavano una variazione positiva di 15.200 unità quando il report ha fissato un negativo di 9.800, ed è seguito l’ovvio disappunto dei mercati. La valuta australiana (AUD) ha immediatamente perso terreno rispetto alle altre, e continua a deprezzarsi mentre scriviamo. La RBA (Reserve Bank of Australia) è quindi sul chi vive, di sicuro si aspettavano un dato positivo sul versante occupazionale. In ogni caso la chiave di comprensione sarà data dall’Indice dei Prezzi al consumo (CPI) che esprimerà la reale vitalità dell’economia in generale, atteso con ansia dalla RBA nella speranza che non deluda.

L’altra notizia della nottata è stata la conferenza stampa tenuta dal Governatore della Bank Of Canada (BOC), durante l’incontro ha comunicato che potrebbero alleggerire i tassi di interesse, opzione che prenderanno seriamente in considerazione se i dati attesi non mostreranno un deciso rafforzamento nell’export e dell’economia in generale. Ciò ha sorpreso non poco i mercati, determinando durante la notte una corsa alla vendita del Dollaro Canadese (CAD), spingendo così il cambio USD/CAD oltre 1.3100, mentre scriviamo il cambio sopraddetto si attesta a 1.3169.

Questa mattina si è tenuto anche il terzo dibattito presidenziale statunitense che, a parte la solita macchina del fango messa in moto da ambo gli schieramenti, non ha aggiunto realmente nulla a quanto già sentito, ed i mercati quindi non ne sono stati influenzati, eccezion fatta per il Peso Messicano che si rafforza poiché gli investitori hanno avuto la percezione che Trump abbia perso un altro “scontro”. Questo sarà l’ultimo dibattito prima delle elezioni, e la sensazione è che i mercati oramai ne abbiano abbastanza e non vogliano altro che la questione si chiuda.

Per oggi, abbiamo il tasso di interesse minimo della BCE e la conferenza stampa della BCE a seguire, probabilmente questo provocherà volatilità nei cambi collegati all’euro caratterizzati da indice minimo e da una risposta pigra alla generale irrequietezza dei mercati a cui non hanno reagito a tempo debito.

Qualsiasi riferimento al tapering del QE (ritiro graduale degli acquisti di bond prima della scadenza del Quantitative Easing) non farà altro che spingere l’euro al rialzo rispetto alle altre valute, in ogni caso seguiremo attentamente la conferenza e la risultante price action per trovare una rotta da seguire nel breve termine.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI