FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, Seguila Guida
Mondo
100,285,538Confermati
2,149,461morti
72,294,863Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Fabio Carbone
Brexit

Se l’uscita del Regno Unito si dovesse concludere con un no-deal tra Ue e Uk, e si dovesse così materializzare una hard Brexit, secondo la BCE ben 24 banche con sede nello UK sono già pronte a lasciare l’isola per approdare in Europa. Si tratterebbe di uno shock da 1.300 miliardi di euro.

A dirlo il responsabile della vigilanza della Banca Centrale Europea, l’italiano Andrea Enria durante una intervista rilasciata alla televisione finlandese Yle. Secondo Enria, sette banche finiranno direttamente sotto la vigilanza di Francoforte e le altre 17 restanti, sotto la sorveglianza delle autorità di vigilanza dei paesi dove le banche sceglieranno la nuova sede.

Lo spostamento è già in atto

Enria, durante l’intervista rilasciata alla TV finlandese, svela che le banche per ora sottoposte alla vigilanza dell’autorità del Regno Unito, hanno già aperto filiali nell’area euro e hanno chiesto alla BCE le autorizzazioni necessarie per operare secondo le leggi Ue.

Quindi le banche inglesi che hanno clienti in Europa sono già pronte ad effettuare il trasloco, attendono solo l’esito definitivo delle trattative tra UK e Unione europea. Per ora quali di queste banche finiranno sotto il diretto controllo della Bce non è stato indicato.

Nei giorni immediatamente successivi alla pubblicazione dell’esito del referendum sulla Brexit del mese di giugno 2016, le principali città europee hanno fatto a gara nel corteggiare le banche del Regno Unito. Tra esse Parigi, Dublino, Amsterdam, Madrid, Lussemburgo.

Pubblicita'

Prepararsi allo shock dei mercati

Secondo Enria le banche hanno già preso le dovute precauzioni, ma bisognerà comunque essere consapevoli che nel momento in cui vi sarà una uscita senza accordo (il 31 ottobre), il crollo dei mercati sarà quasi inevitabile.

Gli effetti che si potranno diffondere nel mercato anche europeo, afferma Enria, riguarderanno gli attriti commerciali e finanziari, che potranno influire sull’intera economia. Affari e commercio stanno già ora rallentando. Le banche, inoltre, non saranno in grado di fornire i servizi che fino a ora stanno erogando ai propri clienti.

Le banche europee, afferma Enria, in 10 anni non sono state capaci di riprendersi del tutto dalla precedente crisi, mentre le banche USA ci sono riuscite in quattro anni. La Brexit no-deal, sarà un urto che gli istituti bancari non reggeranno adeguatamente.

Non è solo un rischio per banche e mercati finanziari

Prepariamoci dunque ad assistere a vendite generalizzate nei mercati finanziari, a listini che cedono svariati punti percentuali, al valore della sterlina contro l’euro che raggiunge nuovi minimi storici, e così via.

Ma non è solo il mondo finanziario che riceverà una forte scossa, non saranno le sole banche a dover reggere l’urto. L’economia reale risentirà dell’uscita senza accordo.

Si pensi all’export. Secondo Confartigianato, il no-deal causerebbe al bilancio Ue un buco da 10 miliardi di euro. Questo si verificherà a causa del recesso senza regole, che lascerà gli scambi commerciali in balia di un vulnus legislativo. E senza contare che le esportazioni dell’Ue verso il Regno Unito subiranno una contrazione: valgono 40 miliardi di euro l’anno.

Sul lato italiano, spiega il presidente di Confartigianato, mancando un accordo sugli scambi commerciali, non sarebbero più tutelate le indicazioni di origine e qualità dei prodotti. L’export del Made in Italy verso la Gran Bretagna vale 3,4 miliardi di euro, ovvero l’8% delle esportazioni annuali del nostro paese.

Solo per il Prosecco, lo UK è il primo sbocco su scala mondiale.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI