Petrolio, Analisi Fondamentale Giornaliera – USA ed Arabia Saudita pensano ad una risposta contro Teheran

Prezzi di nuovo in rialzo di oltre i due punti percentuali, con il mercato che inizia seriamente a considerare possibile l’intervento militare in Iran o quanto meno l’inasprimento delle attuali sanzioni contro Teheran
Armando Madeo
The tanker

Il segretario di Stato americano Mike Pompeo ha descritto l’attacco alle raffinerie del fine settimana scorsa, che si ricorda aveva momentaneamente dimezzato la produzione di petrolio saudita come un atto di guerra e ha discusso con l’Arabia Saudita e gli altri alleati del Golfo circa le possibilità di rappresaglia.

Intanto ieri il presidente Donald Trump ha lanciato una nota cauta, dicendo che c’erano molte opzioni contro l’Iran; Teheran continua a negare il coinvolgimento negli accadimenti del 14 settembre, atto terroristico che ricordiamo è stato rivendicato dagli Yemeniti.

Il ministro degli Esteri iraniano ha dichiarato alla CNN che la Repubblica islamica “non resterà a guardare” se dovrà difendersi da qualsiasi attacco militare USA o saudita, che secondo lui porterebbe a una “guerra totale”.

Oggi gli Emirati Arabi Uniti hanno seguito il suo principale alleato arabo, l’Arabia Saudita, annunciando che si stava unendo a una coalizione globale per la sicurezza marittima.Pompeo, arrivato oggi negli Emirati Arabi Uniti dall’Arabia Saudita per colloqui con il principe ereditario di Abu Dhabi, ha accolto con favore la mossa su Twitter: “Gli eventi recenti sottolineano l’importanza di proteggere il commercio globale e la libertà di navigazione”.

L’ambasciatore saudita a Berlino ha dichiarato che “tutto è sul tavolo”, dicendo alla radio Deutschlandfunk che le opzioni devono essere discusse attentamente.

Previsioni

I prezzi del petrolio sono tornati a salire quest’oggi sulla base delle dichiarazioni dei principali esponenti di USA e Sauditi per i quali ogni opzione è sul tavolo. Il greggio aveva subito una battuta di arresto dopo che il ministro per l’energia saudita aveva rassicurato sulla ripresa della produzione di petrolio ai ritmi precedenti all’attacco.

Gli USA cercano sostegno alle Nazioni Unite. L’esercito francese ha inviato sette esperti in Arabia Saudita per unirsi alle indagini. Funzionari delle Nazioni Unite che controllano le sanzioni contro l’Iran e lo Yemen stanno anche aiutando a sondare l’attacco, che ha rivelato lacune nelle difese aeree saudite nonostante miliardi spesi per hardware militare occidentale.

È improbabile che gli sforzi degli Stati Uniti per ottenere una risposta dal Consiglio di sicurezza dell’ONU abbiano successo poiché Russia e Cina hanno poteri di veto e si prevede che proteggeranno l’Iran.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI