FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
33,875,993Confermati
1,013,198morti
25,172,971Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Armando Madeo
Opec

Crollano i prezzi del greggio in questo secondo Lunedì di Ottobre; dopo aver chiuso la miglior settimana da quasi un mese lo scorso Venerdì, gli investitori hanno liberato posizioni tra i dubbi sui recenti progressi nei colloqui commerciali tra Stati Uniti e Cina, che implicitamente suggeriscono un peggioramento delle prospettive della domanda globale di prodotti energetici.

Nonostante lo slancio positivo nei negoziati commerciali ed una serie di minacce globali sul fronte medio-orientale, tra cui un attacco alle strutture petrolifere dell’Arabia Saudita , disordini in Iraq ed Ecuador e il disfacimento economico del Venezuela, gli operatori continuano a guardare alla crisi economica globale ed alla sempre più fiorente produzione di Shale Oil americano, che porterà ad un surplus globale il prossimo anno. Gli hedge fund scommettono che i futures del WTI diminuiranno più che raddoppiato nelle prossime tre settimane.

“Il sentiment del mercato petrolifero continua ad essere ribassista, sia per i mesi a venire che per il prossimo anno”, ha dichiarato Bjarne Schieldrop, capo analista di materie prime con sede a Oslo presso SEB AB. “Le preoccupazioni per gli attacchi alla petroliera iraniana della scorsa settimana stanno evaporando e l’ottimismo sull’accordo commerciale USA-Cina sta svanendo”.

Con la caduta rovinosa dei prezzi del greggio l’OPEC ha il dovere di intervenire per mettere una toppa all’attuale mercato del greggio. Il primo ministro per l’energia Saudita si è già detto pronto a trovare un nuovo accordo fra i paesi produttori di petrolio.

Previsioni

I fondi sono diventati sempre più ribassisti verso tutti gli elementi del complesso petrolifero nelle ultime settimane, ma soprattutto per i distillati grezzi e medi come diesel e gasolio, ha detto John Kemp, penna di Reuters nel suo resoconto settimanale. Nella settimana fino all’8 ottobre, i gestori di fondi hanno venduto Brent (47 milioni di barili), NYMEX e ICE West Texas Intermediate (34 milioni), diesel statunitense (7 milioni), gasolio europeo (5 milioni) e benzina statunitense (2 milioni di barili) . I fondi hanno venduto 106 milioni di barili di WTI nelle ultime tre settimane e 88 milioni di barili di Brent nelle ultime quattro settimane.

Il greggio Brent per la liquidazione di dicembre è sceso di $ 1,12, ovvero dell’1,9%, a $ 59,39 al barile sullo scambio ICE Futures Europa dopo essere salito del 2,4% venerdì. Il benchmark globale WTI è stato invece scambiato con un premio di $ 5,68 per lo stesso mese. Le vendite sui due principali strumenti petroliferi sono continuate durante i primi scambi a Wall Street.

“Il sentiment macro sarà decisivo per il prezzo del petrolio a breve termine”, ha dichiarato Helge Andre Martinsen, senior analista del mercato petrolifero presso la DNB Bank ASA. “Tuttavia, crediamo che il mercato fisico del petrolio possa spingere i prezzi verso l’alto. Prevediamo di vedere un continuo declino delle scorte verso la fine dell’anno, i margini della raffineria sono buoni e prevediamo un significativo aumento delle serie di raffinerie nelle prossime settimane. ”

Pubblicita'
Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio