FXEMPIRE
Tutti

Petrolio, Analisi Fondamentale Giornaliera – L’Agenzia Internazionale per l’energia taglia le stime di previsione del consumo di petrolio per il prossimo anno

In un rapporto rilasciato quest’oggi dall’IEA vengono ridimensionate le previsioni di domanda per il 2019 e la crescita dei prezzi degli energetici viene vista come una minaccia alla crescita globale.
Armando Madeo

Sia la domanda e l’offerta globali di petrolio sono ora prossime a picchi nuovi, storicamente significativi a 100 mb / g, e nessuno dei due mostra segni di cessazione della crescita in tempi brevi. Quindici anni fa, le previsioni di picco di offerta erano di gran moda, con la produzione da paesi non OPEC dovrebbe aver iniziato a declinare ormai. In effetti, la produzione è aumentata, guidata dalla rivoluzione shale americana, e sostenuta da forti aumenti in Brasile, Canada e altrove. In futuro, molte potenziali forniture potrebbero arrivare sul mercato da posti come Iran, Iraq, Libia, Nigeria e Venezuela, se le loro diverse sfide possono essere superate. Non c’è nemmeno un picco in vista della domanda. I driver della domanda rimangono molto potenti, con i prodotti petrolchimici come fattore principale. In un nuovo studio IEA “The Future of Petrochemicals”, l’Agenzia sottolinea che l’aumento degli standard di vita,

Mentre il mercato del petrolio raggiunge il livello di riferimento di 100 mb / g, i prezzi sono in costante aumento. Il petrolio greggio Brent è ora stabilito sopra $ 80 / barile, con i vincoli infrastrutturali che fanno sì che i prezzi del Nord America siano leggermente inferiori. Ciononostante, la nostra posizione è che l’energia costosa è tornata, con scambi di petrolio, gas e carbone a massimi pluriennali, e rappresenta una minaccia per la crescita economica. Per molti paesi in via di sviluppo, i prezzi internazionali più elevati coincidono con le valute che si deprezzano rispetto al dollaro USA, quindi la minaccia di danni economici è più acuta. L’economia globale è anche a rischio di controversie commerciali. In questo Rapporto, la nostra revisione della domanda riflette queste preoccupazioni: la crescita sia nel 2018 che nel 2019 sarà inferiore di 110 kb / d rispetto alle previsioni precedenti. Come spiegato nella sezione relativa alla domanda di questo rapporto,

Gli elevati prezzi del petrolio di oggi riflettono in parte le altezze grezze molto elevate di 100 negli ultimi mesi e forniscono anche timori mentre le sanzioni contro l’Iran si avvicinano. Infatti, da maggio, quando gli Stati Uniti hanno annunciato il suo ritiro dal JCPOA e la sua decisione di imporre sanzioni, i partiti dell’accordo di Vienna, oltre a Libia e Nigeria ma escludendo Iran, Messico e Venezuela, hanno aumentato la produzione totale di petrolio di 1,6 mb / d. Allo stesso tempo, l’offerta totale negli Stati Uniti è aumentata di 390 kb / g. Persino la Cina ha visto la prima crescita produttiva su base annua in quasi tre anni in risposta al rialzo prezzi. Dichiarazioni ufficiali dell’Arabia Saudita suggeriscono che le esportazioni di ottobre sono tornate ai massimi visti a giugno e che più petrolio è disponibile per coloro che desiderano comprarlo. Nel frattempo, la produzione in Iran, Messico e Venezuela è diminuita di 575 mila barili al giorno. Nuovi dati per i titoli dell’OCSE mostrano che in agosto sono aumentati di 16 milioni di barili più che normali e sono rimasti relativamente stabili per diversi mesi dopo essere calati in modo significativo in seguito all’attuazione dell’accordo di Vienna originale.

L’aumento della produzione netta dai principali fornitori da maggio a circa 1,4 milioni di barili / giorno, guidato dall’Arabia Saudita, e il fatto che le scorte petrolifere sono aumentate di 0,5 milioni di barili nel 2Q18 e sembrano aver fatto lo stesso nel 3 ° trimestre18, conferiscono peso a l’argomento che il mercato del petrolio è adeguatamente fornito per ora. L’IEA accoglie con favore questa spinta all’offerta; tuttavia, con le esportazioni iraniane che probabilmente diminuiranno di molto oltre gli 800 kb / d visti finora, e l’onnipresente minaccia di interruzioni delle forniture in Libia e un collasso in Venezuela, non possiamo essere compiacenti e il mercato sta chiaramente segnalando le sue preoccupazioni che potrebbe essere necessario più rifornimento.

È un risultato straordinario per l’industria petrolifera mondiale soddisfare le esigenze di un mercato di 100 mb / d, ma oggi, nel 4Q18, abbiamo raggiunto nuovi picchi gemelli per la domanda e l’offerta tese al limite le parti del sistema. I recenti aumenti di produzione avvengono a scapito della capacità inutilizzata, che è già ridotta solo al 2% della domanda globale, con ulteriori riduzioni probabilmente a venire. Questa tensione potrebbe essere con noi per qualche tempo e sarà probabilmente accompagnata da prezzi più alti, per quanto ci rammarichiamo e il loro potenziale impatto negativo sull’economia globale.

Previsioni

Questa settimana la corsa dei tori del Brent e del WTI si è notevolmente ridimensionata complici nuovi rapporti dell’OPEC e delle principali agenzie in materia energetica a livello internazionale. Il Brent ed il WTI oggi scambiano in positivo con il WTI quotato 71 dollari ed il Brent 80; si apre nuovamente dunque la forbice fra i due benchmark e lo spread arriva quasi a 10 dollari.
Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI