Oro, Analisi Fondamentale Giornaliera – Le compagnie minerarie tornano ad investire sul metallo giallo

L’industria mineraria si è detta disponibile ad investire nuovamente nel settore aurifero; 3 esperti su 4 ritengono che i prezzi dell’oro siano pronti ad esplodere al rialzo.
Armando Madeo

L’oro è il metallo preferito dagli investitori del settore minerario, questo secondo i risultati di un sondaggio quasi unanime rivolto agli addetti ai lavori condotto da Reuters. Queste sono le prospettive per un nuovo significativo approvvigionamento del metallo prezioso e la visione secondo cui l’economia mondiale è destinata a tempi turbolenti, mentre l’amministrazione del presidente degli Stati Uniti Donald Trump accelera la sua guerra commerciale con la Cina e le sue dispute con i principali esportatori di petrolio dell’Iran e Venezuela.

In una sessione del 121 Mining Investment event di questa settimana a Singapore, tre partecipanti su quattro hanno scelto l’oro, come materia prima protagonista di questo 2019, mentre uno su quattro era più a favore all’investimento su altri metalli preziosi come il palladio e l’argento.

Le discussioni tra i partecipanti alla conferenza 121 Mining hanno rispecchiato quelle di eventi simili all’inizio dell’anno a Hong Kong, Città del Capo e Singapore. L’industria mineraria non è solo rialzista sull’oro, ma sembra anche preparata a mettere soldi e cominciare a reinvestire, sostenendo i giovani minatori del settore. L’unico ostacolo a tutto questo resta l’andamento dell’oro negli ultimi 12 mesi.

Ciò nonostante alcuni stimoli positivi per l’oro sono evidenti sotto forma di una forte domanda fisica da parte dei maggiori consumatori, l’India e la Cina, e dalle banche centrali.

La domanda di gioielli indiani è stata di 125,4 tonnellate nel primo trimestre del 2019, in aumento del 5% rispetto allo stesso periodo dell’anno precedente, secondo i dati del World Gold Council. La domanda della Cina è stata di 184,1 tonnellate, in calo del 2% rispetto al trimestre corrispondente del 2018, ma è stato il terzo trimestre consecutivo di maggiore crescita. Potrebbe anche accadere che la domanda d’oro della Cina sia cresciuta verso la fine del primo trimestre, con le importazioni nette di oro da Hong Kong, il principale canale in terraferma per il metallo, in aumento del 9,8% a Marzo, rispetto a Febbraio.

Previsioni

Mercoledì l’oro a pronti si è chiuso a $ 1,296,41 l’oncia, appena l’1% in più rispetto a dove si trovava alla fine dello scorso anno. Oggi l’oro perde lo 0,7% rispetto alla chiusura di ieri, indebolito dalle rassicurazioni degli Stati Uniti sui colloqui con la Cina.

Il rally del primo trimestre che lo ha portato a un massimo di $ 1346,73 l’oncia il 20 febbraio è in gran parte stato annullato, e il metallo giallo ha per lo più scambiato da allora in laterale.

Il più grande ETF sull’oro, lo SPDR Gold Trust, ha registrato sostanziali deflussi da quando ha raggiunto un picco di sette mesi a 26,48 milioni di once a fine Gennaio. Le partecipazioni di SPDR sono state pari a 23,68 milioni di once a partire dal 14 maggio, con un calo del 10,5% rispetto ai massimi di quest’anno ed in calo del 6,5% rispetto alla fine dell’anno scorso.

 

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI