Forecasts

La stabilizzazione del prezzo del petrolio consente alle borse di muoversi in lieve rialzo

2 mesi faByDavid Becker

I mercati europei vanno in gran parte consolidando, con il Dax e il Ftse 100 in lieve rialzo e l’Euro Stoxx t0 che guadagna lo 0,01%. La sterlina è ancora sotto pressione e di tale situazione continua a beneficiare il Ftse 100 che, composto principalmente da titoli di grande imprese multinazionali, tocca nuovi massimi, superando, seppur di poco, il Dax. Grazie alla stabilizzazione del prezzo del petrolio, i mercati dell’Eurozona sono per lo più riusciti a recuperare le perdite iniziali, ma il loro andamento rimane deludente a causa dell’assenza di dati rilevanti. Nelle prime ore della sessione europea, i dati sulla produzione in Francia, risultati migliori delle aspettative, non hanno avuto un impatto eclatante. Nella prima settimana di gennaio, le vendite a parità negli Stati Uniti hanno sperimentato un rimbalzo, mentre, in Canada, i dati sui nuovi cantieri per abitazioni continuano a impressionare.

Nella giornata di oggi, il prezzo del petrolio è aumentato, con il Wti che guadagna lo 0,6% per salire a 52,20$, recuperando parte della netta perdita del 4% subita durante la sessione di lunedì. Il deprezzamento del dollaro ha sostenuto il rimbalzo, sebbene le posizioni long abbiano raggiunto i massimi storici. I soggetti del mercato continuano a interrogarsi sul rispetto dell’accordo sulla riduzione della produzione da parte dei principali paesi esportatori di petrolio. Al contempo, negli Stati Uniti, la produzione di greggio va aumentando.

In Francia, la produzione industriale di novembre supera le aspettative

In Francia, la produzione industriale di novembre è aumentata del 2% su base mensile, superando le previsioni. Il dato di ottobre è stato corretto in rialzo dal -0,2% al -0,1% del mese precedente. Dopo essere diminuita del -0,6% su base mensile a ottobre, a novembre la produzione manifatturiera è salita del 2,3%.

Nella settimana conclusasi il 7 gennaio, dopo due settimane consecutive di declino, con un calo del 2,9% a dicembre e dello 0,9% nella settimana precedente, le vendite delle catene commerciali negli Stati Uniti hanno sperimentato un rimbalzo del 2,2%. Su base annua, le vendite sono diminuite dell’1,1%. Nell’ultima settimana, le temperature rigide, le promozioni seguite alle festività natalizie e i rimborsi delle carte regalo hanno spinto le vendite. Tuttavia, le vendite dei grandi magazzini durante le festività di Natale rimangono deboli, segnando una contrazione per l’ottavo trimestre consecutivo.

In Canada, i nuovi cantieri per abitazioni sono aumentati dai 187300 di novembre ai 207000 di dicembre. Tale incremento supera di gran lunga quello atteso a 190000. I cantieri per i condomini sono saliti del 13,9% dai 106000 di novembre ai 120800 di dicembre. I cantieri di abitazioni singole separate sono aumentati dell’8,1% da 61900 a 66900. Il dato suggerisce che, in Canada, il settore dell’edilizia per le abitazioni deve ancora conoscere l’impatto delle misure adottate dal governo a ottobre.

FX Empire - the company, employees, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable jointly or severally for any loss or damage as link result of reliance on the information provided on this website. The data contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate.
FX Empire may receive compensation from the companies featured on the network.

All prices herein are provided by market makers and not by exchanges. As such prices may not be accurate and they may differ from the actual market price. FX Empire bears no responsibility for any trading losses you might incur as link result of using any data within the FX Empire.