FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
40,991,928Confermati
1,128,283morti
30,582,897Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Vladimir Zernov
Oil Rig

Video petrolio greggio 03.09.20.

Pubblicita'

Il rallentamento della domanda di benzina mette sotto pressione i prezzi del petrolio

Ieri, l’EIA ha fornito il suo Weekly Petroleum Status Report che indicava che le scorte di greggio statunitensi sono diminuite di 9,4 milioni di barili. Tuttavia, i trader di petrolio hanno preferito concentrarsi sulla domanda di benzina, che è scesa da 9,16 milioni di barili al giorno (bpd) a 8,79 milioni di bpd.

Mentre il calo della domanda di benzina potrebbe essere stato causato dall’uragano Laura, il problema principale è che la domanda di benzina rimane ben al di sotto dei numeri dell’anno scorso.

Un anno fa, la domanda di benzina era di 9,73 milioni di barili al giorno. L’ultima media della domanda di benzina di quattro settimane è di 8,87 milioni di barili al giorno. Il ritmo della ripresa della domanda di benzina sta rallentando, il che è uno sviluppo preoccupante in un momento in cui la stagione di guida sta per finire.

Noterei che è troppo presto per dire se la ripresa della domanda di benzina si sia bloccata. L’uragano Laura ha distorto i dati, quindi i trader dovranno attendere alcune settimane per avere un quadro più chiaro di cosa sta succedendo con la domanda di benzina.

L’Iraq afferma di non voler ottenere un’esenzione dall’accordo OPEC +

Ieri abbiamo discusso della decisione dell’Iraq di ottenere un’esenzione dall’accordo OPEC + nel primo trimestre del 2021.Oggi, l’Iraq ha confutato i precedenti rapporti e ha dichiarato di non avere tale intenzione.

È interessante notare che i rapporti originali provengono da un’intervista del ministro del petrolio iracheno Ihsan Abdul Jabbar, quindi la situazione sembra piuttosto strana.

Ad ogni modo, l’Iraq ha dichiarato che ha continuato a mirare alla piena conformità con l’accordo OPEC + che è positivo per il mercato petrolifero. L’Iraq ha anche notato che potrebbe essere necessario chiedere altri due mesi per effettuare ulteriori tagli alla produzione che compensino la sua precedente sovrapproduzione.

Nel frattempo, il ministro dell’Energia russo Alexander Novak ha dichiarato che la Russia era pronta a proporre una reazione alla crescente domanda di petrolio nell’ambito dell’accordo OPEC +. L’economia russa soffre di entrate petrolifere inferiori, quindi la Russia è desiderosa di aumentare la sua produzione di petrolio più velocemente di quanto delineato nell’accordo originale.

Resta da vedere se l’Arabia Saudita sarà d’accordo con tale approccio perché l’equilibrio tra domanda e offerta rimane fragile mentre il mondo continua la sua battaglia contro la pandemia.

Per uno sguardo a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI