Il dollaro neozelandese crolla dopo che l’inflazione delude le aspettative; taglio dei tassi da parte della RBCZ previsto per maggio

I trader stanno ora scontando almeno due tagli dei tassi da parte della RBNZ quest’anno. Capital Economics e Westpac prevedono che la banca centrale ridurrà i tassi di interesse ufficiali di 25 punti base quando si incontrerà di nuovo all’inizio di maggio.
James Hyerczyk

Il Dollaro neozelandese è in netto calo all’inizio di mercoledì, dopo che un report del governo ha riportato un rallentamento dell’inflazione annuale durante il primo trimestre, deludendo le aspettative della banca centrale e aumentando le possibilità di un taglio dei tassi nei prossimi mesi.

Le cattive notizie hanno spinto il Kiwi al livello più basso dal 3 gennaio. Il momentum negativo creato dalla pressione delle vendite ha messo la valuta in una posizione tale da sfidare il suo minimo a 1 anno di 0,6591. Inoltre, ora viene scambiato sul livello più basso di quest’anno.

Alle 01:15 GMT, l’NZD/USD veniva scambiato a 0,6703, in ribasso di 0,0062 o -0,92%.

Lo scorso mercoledì, Statistics New Zealand ha riportato che l’indice dei prezzi al consumo era salito solo dello 0,1% nei primi tre mesi dell’anno, sotto lo 0,3% previsto dagli analisti e allo 0,2% previsto dalla Reserve Bank of New Zealand (RBNZ).

Statistics New Zealand ha anche affermato che un calo del 7% dei prezzi della benzina ha spinto al ribasso il carburante e le tariffe internazionali, rallentando la crescita dei prezzi. L’inflazione sui beni non scambiabili e quella nazionale sono migliorate, con un incremento del 2,8% su base annua.

Inoltre, l’inflazione annuale si è attestata all’1,5 percento, spostandosi ulteriormente al di sotto del primo target della RBNZ del 2 percento e al di sotto delle aspettative dell’1,7 percento. Il mancato raggiungimento dell’obiettivo aveva iniziato ad aumentare la possibilità che la RBNZ tagli i tagli di interesse ufficiali (OCR), attualmente al minimo storico dell’1,75%, probabilmente già alla prossima riunione di politica monetaria dell’8 maggio.

Inoltre, la RBNZ aveva previsto un’inflazione annuale dell’1,6% per il primo trimestre, in calo rispetto all’effettivo 1,9% nel quarto trimestre.

La notizia non è stata in realtà una grande sorpresa dopo che i responsabili della banca centrale hanno detto a fine marzo che la loro prossima mossa era più probabile che fosse un taglio che un aumento. Inoltre, il governatore della RBNZ Adrian Orr ha detto lunedì a Reuters che la probabilità che l’indice dei prezzi al consumo sia inferiore alle loro previsioni pubblicate è stato ampiamente dovuto dal cambiamento accomodante del prezzo del dollaro neozelandese.

I trader stanno ora scontando almeno due tagli dei tassi da parte della RBNZ quest’anno. Capital Economics e Westpac prevedono che la banca centrale ridurrà i tassi di interesse ufficiali di 25 punti base quando si incontrerà di nuovo all’inizio di maggio.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI