Brexit ancora in stallo: Theresa May rinvia il voto per la bozza e parte per rinegoziare gli accordi con i leader UE

A sorpresa, Theresa May ha deciso di rinviare il voto per la bozza sulla Brexit. Il timore era che la maggioranza non venisse raggiunta. Così, la leader inglese è partita in un vero e proprio tour europeo, per incontrare i soli leader in grado di aiutarla a sbloccare una situazione che ormai si avvicina drammaticamente a un No Deal secco.
Alberto Ferrante
Theresa May

Negoziati di emergenza per la Brexit. La premier Theresa May incontrerà a Berlino la cancelliera Angela Merkel, nella speranza di ricevere un supporto per sbloccare una situazione ormai assai delicata.

In quello che doveva essere il giorno del giudizio, dopo la bozza raggiunta a Novembre, Theresa May ha infatti annunciato a sorpresa, in Parlamento, il rinvio del voto. La maggioranza non sarebbe stata raggiunta e la leader inglese ha preferito non dividere la camera in un momento così teso,  con una possibile crisi di governo all’orizzonte.

La premier tornerà dunque a trattare con Bruxelles e con i rappresentanti degli altri Paesi, al fine di raggiungere un compromesso che possa garantirle il sostengo di almeno 320 deputati. Ma il tempo stringe, e la nuova bozza dovrà essere presentata entro il 21 Gennaio 2019.

Per Theresa May saranno dunque giornate caratterizzate da numerosi incontri volti a strappare delle concessioni. Dopo il meeting con il Primo Ministro olandese, Mark Rutte, e il pranzo con Angela Merkel a Berlino, è il turno di Jean-Claude Juncker, Michel  Barnier e Donald  Tusk a Bruxelles.

E’ previsto inoltre un summit con i leader europei per Venerdì.

Tra le risate umilianti dei parlamentari, Theresa  May ha rinviato il voto essenzialmente con lo scopo di rinegoziare la sezione della bozza relativa al backstop, vale a dire l’elemento chiave dell’accordo con l’Unione.

L’Irlanda del Nord, infatti, potrebbe rimanere nel mercato comune europeo per un periodo di tempo indeterminato al fine di evitare probabili tensioni tra Belfast e la Repubblica d’Irlanda. Ma i conservatori si erano espressi contro l’accordo proprio a causa del backstop. La bozza era stata accolta come il modo peggiore per concretizzare la Brexit, lasciando la Gran Bretagna strettamente legata all’Unione Europea.

Tuttavia, proprio su questo aspetto l’Unione Europea si è sempre detta irremovibile: quello raggiunto potrebbe essere l’unico accordo possibile per Bruxelles, e se i rapporti con l’Irlanda venissero ritoccati per favorire i brexiteers più estremisti, la conseguenza potrebbe essere l’effettivo No Deal da parte dell’Europa.

Colpita su due fronti, May ha dunque optato per dei colloqui diretti volti a rinegoziare le concessioni con i numeri uno in Europa.

Intanto, la Corte Europea di Giustizia ha stabilito che la Gran Bretagna ha tutto il diritto di cancellare unilateralmente la Brexit. Si tratta di un altro colpo basso per il governo, che potrebbe avere conseguenze difficili da preventivare tra i sostenitori di un secondo referendum. Si riteneva, infatti, che per revocare l’articolo 50 dei Trattati fosse necessario il consenso di tutti i Paesi membri, mentre la dichiarazione della Corte Europea sembra indicare un’uscita di emergenza che viene osservata sempre più attentamente dagli oppositori e dai cittadini britannici.

Tuttavia, difficilmente il governo si prenderà la responsabilità di contraddire il primo referendum popolare. L’opzione più verosimile, ma non per questo probabile, resta ancora quella di un secondo voto per cancellare definitivamente la Brexit.

Come prevedibile, i mercati hanno reagito al maldestro colpo di scena. Nella giornata di ieri, la sterlina è arrivata a cedere l’1,25% contro l’euro, mentre contro il dollaro si è registrato un calo dello 0,57%.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI