FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
19,145,921Confermati
714,453morti
12,289,018Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Alberto Ferrante
Prezzo Wti

Una giornata da dimenticare ieri per il greggio e le borse europee. Dopo la conferenza stampa della Fed, l’Europa si è svegliata in rosso a causa delle stime su una ripresa più lenta del previsto.

Per tutta la seduta, i mercati azionari sono rimaste a terra con cali molto vicini al -5% e anche il petrolio si è fortemente indebolito. In serata, infatti, il greggio ha subito contrazioni intorno al -10%.

Stabile invece l’oro, sopra i 1725 dollari l’oncia, mentre la coppia euro/dollaro si trova ancora a 1,13.

La settimana si chiude quest’oggi con i dati sulla produzione industriale in Europa e con il vertice dei Ministri delle Finanze.

Si attenderà anche il tasso di disoccupazione italiano e diversi dati dal Regno Unito, come il PIL e la produzione industriale e manifatturiera, oltre alla bilancia commerciale.

Crolla la produzione industriale italiana nei principali comparti

I dati dell’Istat hanno rivelato ieri un crollo diffuso e generalizzato della produzione industriale ad Aprile, che ha raggiunto il -74% per la fabbricazione di mezzi di trasporto e il -80,5% per il tessile e l’abbigliamento.

In generale, si sono verificate forti flessioni tendenziali sui principali comparti, ad eccezione del settore farmaceutico.

Il settore più penalizzato resta comunque quello dell’automotive, con un crollo del -98,4% su base annuale a causa della chiusura ad Aprile.

A tal proposito, Gianmarco Giorda, il Direttore di Anfia, ha evidenziato che per una solida ripresa occorrerà sbloccare la domanda con incentivi al rinnovo del parco in linea con gli obiettivi di decarbonizzazione della mobilità.

Pubblicita'

Petrolio perde il -10%

Dopo le parole del Presidente Powell della Fed, i dati dell’EIA statunitense sulle scorte di greggio USA ancora in aumento e l’incremento dei contagi in alcune aree degli Stati Uniti, il petrolio ha iniziato a perdere terreno.

Già negli scorsi giorni si era assistito a un’inversione di marcia per il greggio, ma nella giornata di ieri, come sopra riportato, il petrolio ha subito una forte contrazione e attualmente, alle 8:15 del mattino, il greggio Wti è scambiato a 35,62 dollari e il Brent Crude a 37,90 dollari al barile.

Il calo del 10% non stupisce dopo le stime e le valutazioni di Goldman Sachs che prevedeva una contrazione anche fino al -20%. Se si riuscirà a evitare nuovi lockdown grazie a efficienti misure di contenimento, comunque, c’è chi ritiene che già a breve le scorte dovrebbero iniziare a smaltirsi riflettendo l’incremento dei consumi.

I principali indici europei

Ieri il FTSE MIB di Piazza Affari ha chiuso la sua seduta con un crollo del -4,81%, ripiombando a 18.800 punti.

A Milano hanno arrancato particolarmente Cnh Industrial, Atlantia e Fiat Chrysler.

Calo simile per tutti gli altri indici europei, che non hanno tentato una seppur minima ripresa per l’intera giornata.

Il CAC40 di Parigi e il DAX30 di Francoforte hanno infatti chiuso in netto calo, del -4,71% e -4,47% rispettivamente, mentre l‘Ibex-35 di Madrid ha sfondato la soglia del -5%.

Lo spread BTp/Bund è invece rimasto pressoché stabile a quota 189 punti, con il rendimento del decennale benchmark italiano all’1,48% contro i 1,55% del giorno precedente.

Per un’occhiata a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio