FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
19,145,921Confermati
714,453morti
12,289,018Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Alberto Ferrante
BCE
ECB – European Central Bank

Ancora un aumento nettamente sopra le aspettative per le risorse statunitensi di petrolio. Secondo i dati riportati dall’EIA del Dipartimento dell’Energia USA, le scorte di greggio negli ultimi giorni sono salite di circa 1,2 milioni, contro le attese che prevedevano invece circa -0,1 milioni.

Anche la settimana precedente le scorte erano risultate ben sopra le attese, con la conseguente sforbiciata quasi istantanea al prezzo del greggio.

Questa volta, a sostenere i prezzi del petrolio ci sono però i tagli particolarmente generosi dell’Iraq, che finalmente sta iniziando a seguire la rotta tracciata dai Paesi dell’OPEC+.

A ciò si aggiungono gli sforzi già noti dell’Arabia Saudita, che ha tagliato la produzione di 8,5 milioni di barili al giorno a Maggio e 7,5 milioni a Giugno 2020, al minimo da vent’anni.

Secondo l’AIE, la diligenza mostrata in queste settimane calde dai produttori dovrebbe portare a uno smaltimento delle scorte anche a fronte di una domanda comunque ridotta.

Quanto alle borse, ieri il rally dei principali indici europei si è bruscamente interrotto.

Torna la volatilità tra i principali indici europei

Il FTSE MIB di Piazza Affari ha chiuso in rialzo del -0,2% dopo una seduta con diverse inversioni di rotta in mattinata e prima della chiusura. Stesso destino per l’Ibex-35, anch’esso in calo del -0,2%.

Lo stesso trend si può ravvisare nel grafico verde di Francoforte, che con il suo DAX30 è riuscita però a strappare un +0,54%, mentre il CAC40 di Parigi ha guadagnato il +0,88%.

Pubblicita'

Immatricolazioni auto in Europa

Secondo le rilevazioni di Maggio 2020 sulle immatricolazioni in Europa, il settore automobilistico è ancora ben lontano da una ripresa.  Nei primi quattro mesi dell’anno, il mercato automobilistico ha infatti subito una contrazione del 41,5% in termini di immatricolazioni rispetto al 2019.

I crolli hanno riguardano tutti i mercati europei, con una contrazione particolarmente drammatica in Spagna e cali intorno al -50% in Francia, Italia e Germania.

Tra i produttori, Psa Group e Fca Group hanno visto un calo rispettivamente del -56,4% e del -55,3%, mentre si sono difese meglio Land Rover e Mini, con cali intorno al -37,5%.

Attesi fino a 1.500 miliardi di rifinanziamento da parte della BCE

Nonostante i diversi market movers odierni, gli occhi resteranno puntati sulla BCE e sui suoi programmi di rifinanziamento TLTRO  (target long term refinancing operations) per le banche europee a un tasso fino al -1%.

La mole dell’intervento non è ancora nota, ma si ritiene che gli istituti possano ottenere tra i 1000 e i 1500 miliardi di euro, usando uno strumento noto per la sua facilità di impiego senza generare divergenze  e conseguenti scontri tra i Paesi dell’Unione.

Il Calendario Economico dell’Eurozona

Come sopra ricordato, oggi gli occhi saranno puntati sul report mensile della BCE, ma ci sarà spazio anche per i dati sulla bilancia commerciale italiana e per le aste dei BTAN francesi e dei Bonos Spagnoli a 3 e 5 anni.

Infine, la Bank of England si pronuncerà sul suo Quantitative Easing e sui tassi di interesse.

La settimana si concluderà domani con diversi dati in Europa e non solo. In Germania si attende l’indice dei prezzi alla produzione, in Regno Unito i dati sulle vendite al dettaglio e a livello europeo le partite correnti.

Per un’occhiata a tutti gli eventi economici di oggi, controlla il nostro calendario economico.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio