FXEMPIRE
Tutti

Una Finestra Sull’Europa: Italia Ultima per Crescita del PIL e Borse Nuovamente Incerte

Con la sola eccezione di Milano, le borse europee sono tornate in rosso dopo un discreto andamento nella prima parte della settimana. Le stime sulla crescita del PIL danno l’Italia all’ultimo posto (e con netto distacco) con un timido 0,3%. Nonostante ciò, lo spread resta per adesso sotto i 130 punti.
Alberto Ferrante
Mattarella

L’esultanza del mercato degli scorsi giorni non è durata troppo a lungo: ieri le borse europee hanno chiuso in negativo con la sola eccezione di Milano, in positivo con il +0,12%.

A scuotere i mercati globali sono stati essenzialmente i dati provenienti dalla Cina, dalla Commissione Europea e, per ultimo, il calo della domanda di petrolio.

In Italia, lo spread è rimasto sotto i 130 punti sui minimi di Maggio 2018 e ieri il Tesoro è riuscito a collocare circa 2,75 miliardi di BTp a 7 anni, con tassi allo 0,48% e 2,25 miliardi a 3 anni con rendimento negativo del -0,1%. In entrambi i casi si tratta di un minimo storico.

Il monito della Commissione Europea: Italia ultima per crescita del PIL

Ieri la Commissione Europea ha fornito le sue stime sulla crescita del PIL nei Paesi dell’Eurozona, che vedono l’Italia all’ultimo posto in assoluto con un modestissimo +0,3%. Si tratta dell’unico valore nettamente al di sotto dell’1%, addirittura inferiore alla stima precedente, dello 0,4%.

Agli ultimi posti subito prima dell’Italia si trovano Francia e Germania con l’1,1%, motivato rispettivamente dai numerosi scioperi e dal crollo dell’automotive.

Positive invece le stime per Irlanda (+3,6%), Grecia (+2,4%) e Portogallo (+1,7%).

L’OPEC taglia la stima sulla domanda mondiale di petrolio

L’OPEC ha tagliato la stima sulla domanda mondiale di petrolio per il primo trimestre dell’anno e per l’intero 2020.

Così, ancora una volta il Coronavirus ha confermato il suo forte impatto destabilizzante sull’oro nero, che è stato soggetto a una forte revisione delle sue previsioni di crescita per il 2020. Nel primo trimestre si attende infatti la prima contrazione in oltre 10 anni, secondo l’AIE: è il livello più basso dal 2011.

Sempre secondo l’Agenzia internazionale dell’Energia, il petrolio vedrà un ribasso di circa 365.000 barili al giorno.

Ieri, i prezzi sono tornati a scendere con il Wti a meno di 51 dollari e il Brent a 55 dollari al barile. In Europa, i titoli petroliferi sono crollati nelle scorse ore, con Eni in Italia in rosso al -0,80%.

I principali indici dell’eurozona

Come anticipato, Piazza Affari è stata la sola borsa a concludere ieri in positivo. Al contrario, il DAX 30 ha concluso la seduta al -0,032%, recuperando in chiusura dopo un grave crollo tra le ore 11 e le 13.

Discorso simile per il CAC 40, che nello stesso intervallo temporale aveva addirittura toccato quota 6.030 punti per poi risale e concludere la seduta con una perdita del -0,19%. Ibex 35 di Madrid giù del -0,31%, mentre il FTSE 100 di Londra crolla del -1,09%.

A riguardo, si ricorda che Euronext potrebbe essere interessata all’acquisizione della Borsa Italiana qualora Londra volesse vendere. Inoltre, è stato nuovamente palesato un serio interesse per la Borsa di Madrid, dopo alcuni incontri con le autorità locali.

Il Calendario Economico dell’Eurozona a fine settimana

È stata una settimana di alti e bassi in Europa, con l’ombra costante del Coronavirus che ha lasciato respirare le borse, per poi soffocarle nuovamente partendo dal petrolio e dai settori più strettamente legati alla produzione cinese.

Oggi si attendono i dati sulla bilancia commerciale italiana e il PIL tedesco, dopo le cattive notizie sul fronte della produzione industriale.

In Spagna, verranno comunicati i dati sui prezzi al consumo, mentre gli Stati Uniti presenteranno i dati sulle vendite al dettaglio e sulla produzione industriale, dopo i commenti di Powell, il Presidente della Fed, sui rischi del Coronavirus per l’economia globale.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI