FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
21,511,064Confermati
766,394morti
14,254,024Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
Bob Mason
Forex chart over the background of the skyscrapers of the International Business Centre in Moscow, Russia.

Calendario economico:

Venerdì 3 gennaio 2020

Variazione e tasso di disoccupazione tedeschi (Dic)

CPI tedesco (MoM) (Dic)

CPI francese (MoM) (Dic) Prelim

Pubblicita'

Titoli principali

È stata una giornata rialzista per le major europee. CAC40 e DAX30 sono aumentati rispettivamente dell’1,06% e dell’1,03%, con EuroStoxx600 che ha guadagnato lo 0,93%.

Invertendo le perdite rispetto all’inizio della settimana, il sostegno è venuto dall’ottimismo sull’accordo commerciale di fase 1 tra Stati Uniti e Cina.

Durante le vacanze, il presidente degli Stati Uniti Trump aveva annunciato che l’accordo di fase 1 sarebbe stato firmato il 15 gennaio.

Il PBoC ha dato una spinta in più ai mercati, annunciando che avrebbe ridotto il rapporto sui requisiti di riserva di 50 punti base.

Le Statistiche

Giovedì è stata una giornata impegnativa nel calendario economico dell’Eurozona. Sono stati messi a fuoco i numeri PMI manifatturieri di dicembre da Italia e Spagna e i numeri PMI manifatturieri finalizzati da Francia, Germania ed Eurozona.

Secondo i Markit Surveys di dicembre

Dalla Spagna

Il PMI manifatturiero spagnolo è sceso da 47,5 a 47,4 a dicembre, anticipando una previsione di 47,0.

  • La produzione è diminuita al ritmo più rapido dall’aprile 2013, con una riduzione del personale che ha raggiunto il ritmo più rapido in oltre 6 anni.
  • I nuovi ordini sono caduto per l’ottavo mese consecutivo nel mese di dicembre.
  • Il settore automobilistico è rimasto una delle principali fonti di debolezza.

Dall’Italia

Italia del PMI manifatturiero è sceso 47,6-46,2 nel mese di dicembre, che cade al di là di una previsione di 47,2.

  • Le condizioni di produzione sono peggiorate al ritmo più rapido per oltre sei anni e mezzo.
  • Il tasso di perdita di posti di lavoro è accelerato al più rapidamente in oltre sei anni e mezzo.
  • Anche i nuovi ordini sono fortemente diminuiti.

Dalla Francia

Francia finalizzato Manufacturing PMI si è attestato a 50,4, rivisto al rialzo da un prelim 50,3, mentre giù da un novembre 51,7.

  • Le condizioni di business sono migliorate al ritmo più lento in 3 mesi, con rallentamento della crescita della produzione e contrazione di nuovi ordini.
  • Le assunzioni sono rimaste stagnanti alla fine dell’anno, con il settore che ha registrato una flessione dell’attività di acquisto.
  • L’ottimismo verso il 2020 è tornato al minimo di tre anni e mezzo di ottobre.

Dalla Germania

Il PMI manifatturiero finalizzato della Germania è arrivato a 43,5, meglio rispetto ad un preliminare a 43,4. A novembre il PMI si era attestato a 44,1.

  • La pressione al ribasso sul PMI principale ha continuato a venire dalla produzione, con il tasso di declino che accelera per la prima volta in 3 mesi.
  • Mentre la raccolta di nuova produzione è sceso per il 15° mese consecutivo, il tasso di declino facilitato per un terzo mese consecutivo. Il tasso di declino è stato il più debole da dicembre 2018.
  • L’ottimismo ha raggiunto il livello più alto per 15 mesi, supportato dalla stabilizzazione di nuovi ordini e dalla speranza di migliorare le condizioni economiche.
  • Nonostante il miglioramento dell’ottimismo, il tasso di tagli del personale è accelerato fino a raggiungere uno dei più rapidi segnalati nell’ultimo decennio.

Per l’Eurozona

Secondo il Markit PMI Survey dell’ Eurozona,

  • Dopo aver toccato il massimo di 3 mesi a novembre, la tendenza al ribasso è ripresa, con il settore in contrazione per l’undicesimo mese consecutivo.
  • Per il 4° trimestre, un PMI di 46,4 è rimasto invariato rispetto al minimo di sette anni del 3° trimestre.
  • Degli 8 Stati membri che hanno riferito, 7 hanno visto numeri PMI più deboli rispetto a novembre.
  • La Germania era il paese con le prestazioni più deboli. Il deterioramento in Italia e nei Paesi Bassi è stato il più acuto in oltre sei anni e mezzo.
  • Al contrario, la Grecia ha visto una crescita sostenuta a dicembre in testa alla classifica.
  • Per il blocco, il tasso di declino della produzione corrispondeva al record di 81 mesi di settembre.
  • Anche i nuovi ordini sono diminuiti a un ritmo più netto, nonostante i nuovi ordini di esportazione abbiano registrato il tasso di declino più debole dallo scorso gennaio.
  • L’occupazione è diminuita per l’ottavo mese consecutivo e al ritmo più rapido dall’inizio dell’indagine nel 2013.
  • L’ottimismo è migliorato, tuttavia, con le aspettative sulla produzione che ha toccato un massimo di 6 mesi a dicembre.

Dagli Stati Uniti

Il PMI di Markit Survey Manufacturing finalizzato è salito da un preliminare tra 52,5 e 52,6 a dicembre. A novembre, il PMI si era attestato a 52,6.

  • Il PMI medio del 4° trimestre è stato il più forte dal primo trimestre del 2019.
  • Mentre si è attenuato dal recente massimo di novembre, la crescita della produzione è rimasta moderata.
  • La maggiore domanda dei clienti e l’aumento di nuovi ordini hanno supportato la crescita della produzione alla fine dell’anno.
  • La crescita dei nuovi ordini è stata la seconda più forte da aprile, con ordini di esportazione in aumento per il 3° mese consecutivo.
  • Nonostante l’aumento della domanda dei clienti, l’ottimismo è rimasto attenuato, pur migliorando rispetto al mese precedente.

Dalla Cina

All’inizio della giornata, il PMI manifatturiero cinese Caixin è sceso da 51,8 a 51,5 a dicembre. Gli economisti avevano previsto che la PMI si mantenesse stabile a 51,8.

  • Il tasso di crescita dei nuovi ordini è sceso al minimo di 3 mesi, mentre le vendite all’esportazione hanno visto un aumento marginale.
  • La fiducia nei prossimi 12 mesi è rimasta debole, con il personale in stagnazione.
  • Tuttavia, c’è stata una ripresa dell’attività di acquisto e di inventario.
  • Le spese operative sono aumentate per il 4° mese consecutivo, portando ad un aumento dei prezzi di vendita, il primo in 6 mesi.

I Market Movers

Per il DAX: è stato un giorno rialzista per il settore automobilistico. La Volkswagen ha aperto la strada, in rialzo del 2,63%, con BMW (+1,72%), Continentale (1,87%), Daimler (+1,54%) hanno visto solidi guadagni nel corso della giornata.

Anche per le banche è stata una giornata particolarmente rialzista. Commerzbank ha registrato un rialzo del 5,84%, con Deutsche Bank in aumento del 7,32%.

Dal CAC, è stata una giornata ribassista per le banche. BNP Paribas e Credit Agricole sono cresciuti rispettivamente dell’1,53% e del 2,05%, con Soc Gen in rialzo del 2,14% per aprire la strada.

È stata una giornata mista per il settore automobilistico francese, con Peugeot in rialzo del 2,91%, mentre la Renault è scesa dello 0,06%.

Airbus ha anche trovato un forte supporto dopo aver rovesciato Boeing dal posto numero 1. Airbus è diventato il più grande produttore di aeromobili per la prima volta dal 2011.

Sull’indice VIX

Giovedì, il VIX è scivolato del 9,51%. Dopo un calo del 7,02% di martedì, il VIX ha chiuso la giornata a 12,5.

L’ottimismo rispetto agli Stati Uniti – L’accordo commerciale con la Cina ha sostenuto la propensione al rischio all’inizio dell’anno, riaffermando il VIX nel corso della giornata.

La giornata di oggi

Sarà un giorno relativamente impegnativo per il calendario economico dell’Eurozona. Le statistiche chiave includono cifre sull’inflazione preliminari francesi, tedesche e italiane e numeri di disoccupazione tedeschi per dicembre.

Escludendo un balzo materiale delle pressioni inflazionistiche, ci aspetteremmo che le cifre del cambiamento di disoccupazione in Germania avranno il maggiore impatto sulle major.

Se i numeri PMI manifatturieri più recenti sono qualcosa da seguire, le condizioni del mercato del lavoro continuano a essere sotto pressione.

Nel corso della giornata, i numeri PMI ISM Manufacturing preferiti sul mercato forniranno indicazioni verso la fine della sessione.

Mentre le statistiche influenzeranno, aspettatevi che anche il sentimento del rischio di mercato nei confronti del commercio e della Brexit costituisca un fattore determinante.

Nei mercati dei futures, al momento della stesura di questo documento, il DAX era aumentato di 50 punti, mentre il Dow era aumentato di 35 punti.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio