FXEMPIRE
Tutti

Previsioni settimanali fondamentali sul prezzo del petrolio – I fondamentali tradizionali puntano verso il commercio lateralmente verso il basso

Probabilmente continueremo a vedere una maggiore volatilità e reazioni eccessive al rialzo se le tensioni in Medio Oriente aumenteranno, ma è probabile che non si formi una tendenza del mercato rialzista a meno che non vi sia un evento che porti a una sostanziale riduzione dell’offerta.
James Hyerczyk
Oil and gas industry.

Il petrolio greggio Brent intermedio e di riferimento internazionale negli Stati Uniti del Texas occidentale ha terminato nettamente in calo la scorsa settimana dopo aver toccato un massimo di più mesi all’inizio della settimana. Ancora una volta la manifestazione è stata alimentata dagli speculatori che scommettono su un’interruzione dell’offerta a causa di un evento. Ancora una volta sono stati schiacciati quando la fornitura non era stata interrotta.

Molti analisti continuano a riferire sul passato, ma pochi sono disposti a raccontarlo così com’è. Sia il greggio statunitense che quello di Brent sono scambiati in ribasso durante l’anno, poiché i trader sono tornati ai fondamentali tradizionali. Quello che abbiamo visto la scorsa settimana tra Stati Uniti e Iran è stato uno e fatto eventi. Niente olio versato. Nessun impianto di produzione di petrolio distrutto. Nessun giacimento di petrolio incendiato. Nessuna manifestazione sostenuta.

La scorsa settimana, il greggio WTI di marzo si è attestato a $ 58,99, in calo di $ 3,83 o -6,10% e il petrolio greggio di marzo Brent ha chiuso a $ 64,98, in calo di 3,62 o -5,57%.

Rapporto settimanale sulle scorte della U.S. Energy Information Administration

Anche i prezzi del greggio sono stati duramente colpiti mercoledì dopo che le scorte di greggio statunitensi sono aumentate inaspettatamente la scorsa settimana e le scorte di benzina sono aumentate al massimo in una settimana in quattro anni, ha riferito l’Energy Information Administration (EIA) mercoledì. Il rapporto ha compensato i numeri leggermente rialzisti di martedì pubblicati dall’American Petroleum Institute (API).

L’EIA ha riferito che gli inventari del greggio sono aumentati di 1,2 milioni di barili nel fine settimana del 3 gennaio a 431,10 milioni di barili, rispetto alle aspettative degli analisti in un sondaggio Reuters per un calo di 3,6 milioni di barili.

Anche i titoli statunitensi di benzina hanno sorpreso, aumentando di 9,1 milioni di barili nella settimana a 251,6 milioni di barili, rispetto alle aspettative in un sondaggio Reuters per un aumento di 2,7 milioni di barili. Questo è stato il più grande guadagno di una settimana negli inventari della benzina da gennaio 2016. La benzina fornita nelle ultime quattro settimane è stata dello 0,4% inferiore rispetto allo stesso periodo di un anno fa a causa della domanda debole.

Previsioni settimanali

Probabilmente continueremo a vedere una maggiore volatilità e reazioni eccessive al rialzo se le tensioni in Medio Oriente aumenteranno, ma è probabile che non si formi una tendenza del mercato rialzista a meno che non vi sia un evento che porti a una sostanziale riduzione dell’offerta.

Devi ricordare che l’OPEC e i suoi alleati stanno attualmente tagliando la produzione di 1,7 milioni di barili di petrolio al giorno e guarda dove sono i prezzi. Se ci fosse una sostanziale interruzione dell’offerta, probabilmente vedremo un’altra ondata speculativa al rialzo, ma l’OPEC + avrebbe quindi inondato il mercato con il petrolio che stavano trattenendo. E con l’aumento dei prezzi, le aziende statunitensi non impiegheranno molto a iniziare a produrre a livelli record.

Una cosa che è emersa la scorsa settimana che potrebbe essere sfuggita è stata il salto negli inventari di benzina nei rapporti sugli inventari settimanali API ed EIA. I commercianti hanno citato la mancanza di domanda per gli alti livelli. Ciò può comportare un aumento degli inventari grezzi statunitensi.

I guadagni nel mercato del greggio potrebbero essere limitati se gli inventari iniziano a salire. Ma prima che diventi troppo ribassista, è probabile che l’OPEC + tagli e la speranza di un aumento della domanda a causa dell’accordo commerciale USA-Cina possa essere di supporto.

Tutto ciò si aggiunge a un mercato rangebound. È molto probabile che i prezzi si ritirino ai livelli pre-natalizi dove sono rimasti seduti per 5 settimane prima che la volatilità riemergesse.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto
IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI