FXEMPIRE
Tutti
Ad
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
19,698,062Confermati
726,979morti
12,639,505Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
James Hyerczyk
One row of oil barrels and financial chart on background

I futures del greggio U.S. West Texas Intermediate e di riferimento internazionale Brent intermedio hanno registrato un netto rialzo la scorsa settimana con il rally guidato da solidi dati PMI globali, solidi dati economici USA, ottimismo su un accordo commerciale USA-Cina e una decisione importante dell’OPEC e dei suoi alleati per tagliare la produzione e stabilizzare i prezzi.

La scorsa settimana, il greggio WTI di gennaio si è attestato a $ 59,20, in rialzo di $ 4,03 o +7,30% e il greggio di febbraio Brent ha chiuso a $ 64,39, in rialzo di $ 3,90 o +6,06%.

I dati economici facilitano alcune preoccupazioni della domanda

Un miglioramento a sorpresa dell’attività manifatturiera cinese, la seconda più grande economia del mondo, ha sostenuto il greggio all’inizio della settimana. L’attività della fabbrica cinese è cresciuta al ritmo più rapido in quasi tre anni a novembre, ha mostrato un sondaggio di affari privati lunedì, a seguito di dati ufficiali ottimisti nel fine settimana.

Venerdì, il governo degli Stati Uniti ha pubblicato un rapporto sui lavori di successo che ha spinto la media industriale di Dow Jones a salire a 337,27 punti per chiudere a 28.015,06, la sua migliore performance di un giorno in oltre due mesi.

L’economia americana ha aggiunto 266.000 posti di lavoro a novembre, secondo i dati pubblicati venerdì dal Dipartimento del Lavoro, impennandosi ben al di sopra della stima di 187.000. Il tasso di disoccupazione è sceso al 3,5%, corrispondente al suo livello più basso dal 1969.

Pubblicita'

Ottimismo sull’accordo commerciale, ma le tensioni esistono ancora

Pechino e Washington continuano a negoziare un accordo commerciale della prima fase volto a ridurre la disputa commerciale tra i due centri economici, ma continuano a litigare sui dettagli chiave.

Alla fine della scorsa settimana, i funzionari cinesi sono rimasti fedeli alla loro linea secondo la quale le tariffe esistenti devono scendere come parte di un accordo ad interim. Tuttavia, la Cina ha offerto un ramo d’ulivo rinunciando alle tariffe di importazione per alcune spedizioni di soia e maiale dagli Stati Uniti.

Il maggiore consigliere economico della Casa Bianca Larry Kudlow ha dichiarato venerdì che è ancora in vigore una scadenza del 15 dicembre per imporre un nuovo round di tariffe statunitensi su circa 156 miliardi di dollari delle restanti esportazioni della Cina verso gli Stati Uniti, ma al presidente piace dove i colloqui commerciali con la Cina sono andando, ha aggiunto.

La Cina, tuttavia, ha contrastato con una minaccia propria, con un funzionario cinese che ha detto a Reuters che la Cina implementerà le proprie tariffe come contromisura se le tariffe del 15 dicembre entrassero in vigore, il che potrebbe precipitare ogni possibilità di un accordo commerciale a breve termine.

L’OPEC e gli alleati concordano di ridurre la produzione

L’OPEC e i suoi alleati, compresa la Russia, hanno concordato venerdì di approfondire i tagli alla produzione nel tentativo di tagliare l’offerta globale e stabilizzare i prezzi. La mossa è progettata per combattere la crescita economica globale stagnante incolpata della guerra commerciale USA-Cina. L’OPEC + ha smesso di impegnarsi oltre il primo trimestre 2020, facendo in modo che analisti e operatori mettessero in discussione l’impatto degli ultimi ostacoli.

Secondo i rapporti, i tagli estenderanno l’accordo esistente di una riduzione extra di 500.000 barili al giorno (bpd) nel primo trimestre del prossimo anno, attraverso una maggiore conformità e alcuni aggiustamenti. L’attuale accordo dell’OPEC prevede un taglio dell’offerta di 1,2 milioni di barili al giorno e la maggiore quantità rappresenta circa l’1,7% della produzione mondiale di petrolio.

Anche il ministro dell’Energia saudita, il principe Abdulaziz bin Salman, ha detto ai giornalisti che la sua quota sarebbe di ulteriori 167.000 barili al giorno fino a marzo 2020. Ha anche affermato che il regno continuerebbe a superare la sua quota di 400.000 barili al giorno, il che significa che il taglio complessivo della produzione sarà in realtà più vicino a 2,1 milioni di barili al giorno.

Previsioni settimanali

Con le notizie dell’OPEC fuori mano, gli operatori torneranno a monitorare l’avanzamento dei negoziati commerciali USA-Cina e la crescente offerta degli Stati Uniti.

Alcuni trader sono ancora incerti sul fatto che l’accordo OPEC sarà abbastanza per tagliare l’offerta globale abbastanza da compensare l’aumento della produzione statunitense e il calo della crescita dell’offerta globale.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio