FXEMPIRE
Tutti
Ad
Pubblicita'
Pubblicita'
Federico Dalla Bona
Aggiungi ai segnalibri
Oro prezzo dell'oro

I prezzi in dollari USA del future Gold hanno raggiunto venerdì 19 scorso minimi relativi a 1759.00 prima di avviare un rimbalzo, guadagnando circa mezzo punto percentuale nell’ultima sessione settimanale.

I minimi di venerdì 19 sono i valori più bassi toccati dall’oro dallo scorso luglio, ed hanno portato l’ampiezza complessiva della correzione a oltre il 15.5% rispetto al picco di agosto 2020, quando le quotazioni si erano spinte fino alla soglia dei 2090$.

Pubblicita'
Sai Dove Oro è diretto? Approfittane 

Il 75% dei conti degli investitori retail CFD perde denaro

Si tratta di un dato molto interessante dal punto di vista statistico, in quanto le maggiori correzioni che si sono sviluppate su questo mercato nel corso degli ultimi 5 anni (da novembre 2015 in poi) hanno avuto per due volte estensione del 14-15% e solo in un’occasione dimensione poco superiore al 18%. Ribassi di tale entità, nell’ultimo quinquennio, hanno quindi sempre rappresentato un’occasione di acquisto e non hanno mai impedito al mercato di ripristinare di volta in volta la tendenza rialzista, proiettandosi puntualmente su nuovi massimi. Almeno finora.

Forti dubbi sulle potenzialità di rafforzamento a breve del bene-rifugio per eccellenza sono stati sollevati in queste settimane dagli economisti di Morgan Stanley i quali, per bocca del loro chief cross-asset strategist Andrew Sheets, si sono sbilanciati arrivando a prevedere un aumento di poco più del 2% del PIL statunitense per i prossimi 2 anni, in contesto di bassa inflazione, non sufficiente a sostenere i prezzi dell’oro. “Non è certo questo il tipo di scenario più adatto per l’oro”, ha riassunto Sheets.

Morgan Stanley è ottimista sull’economia degli Stati Uniti in quanto prevede che l’attività di consumo repressa si scatenerà nel corso della seconda metà di quest’anno. Ricordiamo che, a fronte di una perdita di reddito di 400 miliardi di dollari nel 2020, i consumatori americani hanno già ricevuto dal loro governo più di un trilione di dollari fra stimoli fiscali e bonifici sul conto corrente.

Non è comunque scontato che ad un ulteriore rialzo dei corsi azionari nel 2021 non possa corrispondere anche un nuovo rialzo dell’oro. Se sovrapponiamo i grafici del future Gold e dell’indice S&P500 vediamo che ci sono stati anche recentemente lunghi periodi in cui la corsa al rialzo (ed anche i repentini crolli) di oro e indice azionario si sono sviluppati in continuata sincronia: per tutto il 2019 e buona parte del 2020 l’andamento è risultato praticamente identico e, solo dalla seconda metà dell’anno scorso, l’oro si è indebolito a fronte di un ulteriore allungo dell’S&P500.

Per quanto riguarda la settimana entrante (22-26 febbraio 2021) ci aspettiamo che le giornate più favorevoli ad un eventuale rimbalzo siano quelle fra lunedì e mercoledì, anche in virtù dell’attuale distanza dei prezzi dalle resistenze di quota 1850/55 e 1876. La tendenza rimane comunque ribassista, con un primo obiettivo fra i 1713/1718 che si attiverà in caso di cedimento di quota 1759 (=minimi del 19/02).

Pubblicita'
Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

DISCLAIMER IMPORTANTE
Il contenuto fornito su questo sito web include notizie generiche e pubblicazioni, le nostre analisi, opinioni personali e contenuti forniti da terze parti, che sono intesi solo per scopi di istruzione e ricerca. Non costituisce e non dovrebbe essere letto come raccomandazione o consiglio a intraprendere qualsiasi azione, inclusi investimenti o acquisti di qualsiasi prodotto. Prima di prendere qualsiasi decisione finanziaria, dovresti effettuare le tue proprie valutazioni, applicare la tua discrezione e consultare solo i soggetti competenti di tua fiducia. Il contenuto del sito web non risulta diretto personalmente a te e noi non possiamo tenere in considerazione la tua situazione finanziaria e i tuoi bisogni. Le informazioni contenute in questo sito non sono necessariamente fornite in tempo reale né risultano necessariamente accurate. I prezzi qui riportati potrebbero essere forniti da market makers e non dalle borse. Qualsiasi operazione di trading o altra decisione finanziaria che farai ricadrà sotto la tua piena responsabilità e non dovresti affidarti completamente a nessuna informazione fornita in tutto il sito. FX Empire non offre nessuna garanzia riguardante le informazioni contenute nel sito e non si può assumere alcuna responsabilità per qualsiasi perdita finanziaria di trading che puoi patire per esserti affidato a qualsiasi informazione contenuta in questo sito. Il sito web può includere pubblicità e altri contenuti promozionali e FX Empire può ricevere un compenso da terze parti in relazione al contenuto. FX Empire nono appoggia le terze parti, non raccomanda l'utilizzo di alcun servizio e non si assume la responsabilità per qualsiasi utilizzo di servizi o siti web forniti da terze parti. FX Empire e i suoi dipendenti, agenti, filiali e associati non sono responsabili e non dovrebbero essere ritenuti tali per alcuna perdita o danno risultante dal tuo utilizzo del sito o dal tuo affidamento sulle informazioni fornite su questo sito.
DISCLAIMERS DI RISCHIO
Questo sito include informazioni sulle criptovalute, contratti differenziali (CFDs) e altri strumenti finanziari, e sui brokers, le borse e altre entità che effettuano trading in questi strumenti. Sia le criptovalute che i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere il proprio capitale. Dovresti considerare attentamente se comprendi il funzionamento di questi strumenti e se puoi permetterti di sostenere il rischio elevato di perdere il tuo denaro. FX Empire ti incoraggia a effettuare le tue ricerche personali prima di effettuare qualsiasi decisione d'investimento, e di evitare di investire in qualsiasi strumento finanziario di cui tu non abbia una comprensione completa sul funzionamento e sui suoi rischi.