FXEMPIRE
Tutti
Ad
Pubblicita'
Pubblicita'
James Hyerczyk
Aggiungi ai segnalibri
Brent Greggio petrolio

I futures sul petrolio greggio intermedio e internazionale di riferimento del Brent negli Stati Uniti occidentali sono in calo giovedì dopo aver restituito i guadagni precedenti. La debolezza è alimentata da un forte aumento del numero di decessi e infezioni da coronavirus che ha smorzato la visione ottimistica che il virus aveva raggiunto il picco. Inoltre, ha anche sollevato dubbi sul fatto che l’effetto dell’epidemia sulla domanda di greggio sarebbe peggiorato.

Alle 09:59 GMT, il greggio WTI di aprile viene scambiato a $ 51,06, in calo di $ 0,35 o -0,66% e il petrolio greggio Brent di aprile è a $ 55,25, in calo di $ 0,54 o -1,15%.

Pubblicita'
Sai Dove Greggio Wti è diretto? Approfittane 

Your Capital is at Risk

Nuovi dati sul coronavirus interrompono il rally di questa settimana

Mercoledì scorso, il greggio è salito di oltre il 3% ai massimi, quando i commercianti hanno osservato tagli più profondi della produzione dall’OPEC e poiché la Cina ha riportato il numero più basso di nuovi casi di coronavirus dalla fine di gennaio, alleviando le preoccupazioni per un calo della domanda di petrolio.

Un catalizzatore è cambiato giovedì, tuttavia, dopo che la provincia cinese di Hubei, dove si ritiene che il virus abbia avuto origine, ha riportato 242 nuovi decessi, il doppio del bilancio del giorno precedente e l’aumento più rapido da quando il patogeno è stato identificato a dicembre.

Ha anche confermato 14.840 nuovi casi, anche se è stato amplificato in modo significativo da un passaggio all’utilizzo di scansioni di tomografia computerizzata (CT) più veloci – che rivelano infezioni polmonari – per confermare i casi di virus.

Escludendo i casi confermati con i nuovi metodi, il numero di nuovi casi è aumentato solo di 1.508, i dati ufficiali hanno mostrato, sebbene per i mercati il risultato netto fosse più incerto sulla durata della persistenza dei problemi.

Pubblicita'

L’OPEC taglia le previsioni per la crescita della domanda di petrolio quest’anno

In un rapporto attentamente seguito pubblicato mercoledì, l’OPEC ha tagliato le sue previsioni per la crescita della domanda di petrolio quest’anno, affermando che l’epidemia di coronavirus è stata la ragione principale.

Il cartello ha dichiarato che ora prevede che la crescita della domanda di petrolio giornaliera per il 2020 sarà di 990.000 barili al giorno (bpd), che è di 230.000 bpd al di sotto delle previsioni precedenti.

“L’impatto dell’epidemia di Coronavirus sull’economia cinese ha aggiunto alle incertezze che circondano la crescita economica globale nel 2020 e, per estensione, la crescita della domanda mondiale di petrolio nel 2020”, ha affermato l’OPEC nel rapporto.

L’AIE afferma che l’epidemia di virus riduce la domanda di petrolio nel primo trimestre

La domanda di petrolio è destinata a scendere di anno in anno nel primo trimestre per la prima volta da quando la profondità della crisi finanziaria del 2009 è stata colpita dall’epidemia di coronavirus in Cina, ha riferito giovedì  l’Agenzia internazionale dell’energia (AIE).

“Le conseguenze di Covid-19 per la domanda globale di petrolio saranno significative. La domanda dovrebbe ora contrarsi di 435.000 barili al giorno (bpd) nel 1° trimestre, il primo calo trimestrale in più di un decennio “, ha detto l’AIE con sede a Parigi in un rapporto mensile, usando il nuovo nome scientifico per il virus.

“Per il 2020 nel suo complesso, abbiamo ridotto le nostre previsioni di crescita globale da 365.000 bpd a 825.000 bpd, il più basso dal 2011”, ha affermato l’AIE, aggiungendo che si presume che l’attività economica dal secondo trimestre sarebbe tornata progressivamente alla normalità.

Nel secondo trimestre ha dichiarato di prevedere che la domanda di petrolio crescerà di 1,2 milioni di barili al giorno prima di normalizzarsi nel terzo trimestre con una crescita di 1,5 milioni di barili al giorno su probabili misure di stimolo economico in Cina.

Previsioni giornaliere

Le previsioni sulla domanda ribassista dell’OPEC e dell’AIE probabilmente incoraggeranno l’OPEC e i suoi alleati, in particolare la Russia, ad attuare gli ulteriori tagli alla produzione raccomandati la scorsa settimana. La scorsa settimana un comitato tecnico dell’OPEC + ha raccomandato di ampliare i tagli alla produzione per porre un freno al calo dei prezzi del petrolio, sebbene vi fosse una certa resistenza da parte della Russia. Il grande produttore ha affermato che ci vuole più tempo, ma penso che le nuove previsioni incoraggeranno la Russia a firmare il taglio più profondo dell’OPEC +.

La copertura corta dovrebbe far salire i prezzi se la Russia annuncia che sta andando d’accordo con i tagli alla produzione, ma i guadagni saranno limitati poiché i tagli non saranno sufficienti per superare il declino della domanda. Se la Russia passa il taglio, allora questo sarà un disastro. I prezzi scenderanno ai minimi pluriennali.

Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

DISCLAIMER IMPORTANTE
Il contenuto fornito su questo sito web include notizie generiche e pubblicazioni, le nostre analisi, opinioni personali e contenuti forniti da terze parti, che sono intesi solo per scopi di istruzione e ricerca. Non costituisce e non dovrebbe essere letto come raccomandazione o consiglio a intraprendere qualsiasi azione, inclusi investimenti o acquisti di qualsiasi prodotto. Prima di prendere qualsiasi decisione finanziaria, dovresti effettuare le tue proprie valutazioni, applicare la tua discrezione e consultare solo i soggetti competenti di tua fiducia. Il contenuto del sito web non risulta diretto personalmente a te e noi non possiamo tenere in considerazione la tua situazione finanziaria e i tuoi bisogni. Le informazioni contenute in questo sito non sono necessariamente fornite in tempo reale né risultano necessariamente accurate. I prezzi qui riportati potrebbero essere forniti da market makers e non dalle borse. Qualsiasi operazione di trading o altra decisione finanziaria che farai ricadrà sotto la tua piena responsabilità e non dovresti affidarti completamente a nessuna informazione fornita in tutto il sito. FX Empire non offre nessuna garanzia riguardante le informazioni contenute nel sito e non si può assumere alcuna responsabilità per qualsiasi perdita finanziaria di trading che puoi patire per esserti affidato a qualsiasi informazione contenuta in questo sito. Il sito web può includere pubblicità e altri contenuti promozionali e FX Empire può ricevere un compenso da terze parti in relazione al contenuto. FX Empire nono appoggia le terze parti, non raccomanda l'utilizzo di alcun servizio e non si assume la responsabilità per qualsiasi utilizzo di servizi o siti web forniti da terze parti. FX Empire e i suoi dipendenti, agenti, filiali e associati non sono responsabili e non dovrebbero essere ritenuti tali per alcuna perdita o danno risultante dal tuo utilizzo del sito o dal tuo affidamento sulle informazioni fornite su questo sito.
DISCLAIMERS DI RISCHIO
Questo sito include informazioni sulle criptovalute, contratti differenziali (CFDs) e altri strumenti finanziari, e sui brokers, le borse e altre entità che effettuano trading in questi strumenti. Sia le criptovalute che i CFD sono strumenti complessi e presentano un elevato rischio di perdere il proprio capitale. Dovresti considerare attentamente se comprendi il funzionamento di questi strumenti e se puoi permetterti di sostenere il rischio elevato di perdere il tuo denaro. FX Empire ti incoraggia a effettuare le tue ricerche personali prima di effettuare qualsiasi decisione d'investimento, e di evitare di investire in qualsiasi strumento finanziario di cui tu non abbia una comprensione completa sul funzionamento e sui suoi rischi.