Petrolio: analisi fondamentale giornaliera, previsioni -Correzione a breve termine in vista alla luce di un incremento imprevisto EIA

Il modello grafico a breve termine può essere ribassista, ma non si tratta di un cambiamento di trend. Di solito indica che ai livelli di prezzo attuali la vendita è maggiore del prezzo di acquisto
James Hyerczyk

Giovedì i future sul petrolio greggio statunitense, il West Texas Intermediate, e quelli sullo standard internazionale, il Brent, si muovono in ribasso dopo drastici i massimi con inversione in chiusura di mercoledì. Il modello di grafico potenzialmente ribassista è stato innescato da un rapporto governativo che mostrava un incremento inatteso alle scorte di greggio degli Stati Uniti. La notizia ha colto di sorpresa gli investitori long, che prevedevano un lieve prelievo.

Alle 08:58 GMT, il greggio WTI con scadenza a maggio si attesta a $ 62,23, in calo di $ 0,23 (-0,38%), mentre il greggio Brent con scadenza a giugno si attesta a $ 69,01, in ribasso di $ 0,30 (-0,43%).

Il modello grafico a breve termine può essere ribassista, ma non si tratta di un cambiamento di trend. Di solito indica che ai livelli di prezzo attuali la vendita è maggiore del prezzo di acquisto, e spesso porta a una correzione della durata di 2 o 3 giorni. I fondamentali sono troppo forti per cambiare il trend, a suggerire che gli investitori potrebbero utilizzare il rapporto come scusa per realizzare i profitti dopo un forte rally di quattro giorni. Se osserviamo una correzione a breve termine in un’area di valore, allora vedremo che gli acquirenti riemergono dal momento che il mercato gode di in una forte tendenza al rialzo.

Rapporto settimanale sulle scorte della Energy Information Administration USA

Secondo la Energy Information Administration (EIA), nella settimana conclusasi il 29 marzo le scorte di greggio USA sono salite di 7,2 milioni di barili al giorno,  quando i trader prevedevano un prelievo di 700.000 barili.

Nella settimana di riferimento, anche le scorte di benzina sono diminuite di 1,8 milioni di barili, con una produzione media di 9,8 milioni di barili al giorno, contro i 9,7 della settimana precedente.

Il rapporto settimanale ha inoltre mostrato un calo dei combustibili distillati di 2 milioni di barili rispetto al prelievo di 2,1 milioni di barili della settimana precedente. La produzione di carburante distillato della scorsa settimana è stata in media di 4,9 milioni di barili al giorno, rispetto a 4,9 milioni di barili nella settimana precedente. Per finire, secondo il rapporto EIA nella settimana conclusasi il 29 marzo le raffinerie hanno trattato 15,8 milioni di barili di petrolio greggio.

Altre notizie

La Commodity Futures Trading Commission (CFTC) ha dichiarato che nella settimana di riferimento i money manager hanno incrementato la loro posizione long netta sul WTI di 29 milioni di barili e aumentato la loro posizione long netta sul Brent di 13 milioni di barili.

Previsione giornaliera

Probabilmente vedremo una battuta d’arresto a breve termine perché il rapporto EIA ha colto molti long di sorpresa e poiché gli hedge fund seguono la teoria del gregge: quando uno vende, inizieranno tutti a vendere. È probabile che la fase discendente abbia vita breve perché i prezzi continuano ad essere sostenuti da una restrizione dell’offerta globale a causa dei tagli di produzione di grande successo dell’OPEC e delle sanzioni statunitensi contro Iran e Venezuela. Inoltre, anche i segnali di domanda forniscono un certo supporto. Le condizioni rialziste potrebbero migliorare ulteriormente se verrà annunciato un accordo commerciale tra Cina e Stati Uniti. Questo probabilmente farà aumentare i prezzi.

 

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker