Forecasts

Oro Analisi Fondamentale per il 5 Gennaio 2017 Previsioni

3 mesi faByJames Hyerczyk

Nella giornata di mercoledì i future sull’oro si sono mossi in netto rialzo fino a raggiungere il massimo in quattro settimane; gli investitori hanno infatti reagito positivamente al calo del dollaro USA. Il metallo prezioso in effetti avanza lentamente da quando, il 14 dicembre scorso, la Fed ha innalzato il tasso di interesse di riferimento di 25 punti base. Questo potrebbe far pensare a un mercato ipervenduto, o solamente a un rally legato al clima di sollievo diffuso tra gli investitori dopo un’attesa durata quasi un anno.

Il fatto è che gli acquisti continuano, e iniziano a prendere slancio. Lo ripeto, probabilmente non si tratta di investitori estremamente rialzisti quanto, più probabilmente, di una combinazione di acquisti speculativi aggressivi e azioni di copertura short.

Su Comex, i future sull’oro con scadenza a febbraio hanno chiuso la sessione 1162,00 $, in rialzo di 10,30 $ (+0,89%).

Nella giornata di mercoledì, l’evento economico principale è stata alla pubblicazione dei verbali della riunione del FOMC dello scorso dicembre. In quell’occasione, la banca centrale ha approvato il primo innalzamento dei tassi di interesse dell’anno, e il secondo negli ultimi 10 anni. Secondo tali verbali, la Fed si è decisa ad agire soprattutto in base alla reazione dei mercati all’elezione del nuovo presidente e in vista di una politica fiscale aggressiva.

Sebbene il FOMC generalmente si tenga alla larga dalla politica, la vittoria a sorpresa di Trump ha in qualche modo influenzato i membri del comitato, i quali hanno votato unanimemente per un innalzamento del tasso di interesse di riferimento di un quarto di punto, prevedendone almeno tre per il 2017, a indicare un virata verso una politica monetaria restrittiva.

Oltre a quanto appena detto, nel riepilogo delle proiezioni economiche, il FOMC ha evidenziato una “sostanziale incertezza” riguardo la futura politica fiscale, notando però che una politica fiscale espansiva aumenta le probabilità di “una politica monetaria più restrittiva di quanto attualmente previsto.”

“I movimenti di prezzo dell’asset, così come le variazioni nel percorso previsto della politica monetaria USA dopo la discussione di dicembre, sono stati in gran parte spinti dalle aspettative per una politica fiscale espansiva in seguito alle elezioni USA” si legge sui verbali.

Molti funzionari temono che permettere al tasso di disoccupazione discendere ampiamente al di sotto dell’obiettivo fissato il 5,0% senza aumentare i tassi di interesse potrebbe poi comportare un percorso più aggressivo. E’ questo sostanzialmente il motivo principale per cui il FOMC ha rivisto al rialzo le proiezioni per il 2017 da due incrementi previsti a settembre agli attuali tre incrementi.

Per finire, “la maggior parte dei partecipanti ha attribuito il sostanziale cambiamento delle condizioni dei mercati finanziari nel periodo fra le riunioni – incluso l’aumento dei tassi di interesse di lungo termine, rafforzamento del dollaro l’aumento dei prezzi delle azioni e il calo degli spread – alle aspettative per una politica fiscale più espansiva negli anni avvenire e a una possibile riduzione delle tasse sulle società”.

La reazione da parte dei trader dell’oro suggerisce che gli investitori avevano già scontato i verbali sul prezzo di mercato. I trader sono ora più interessati a capire se la Fed darà seguito alla propria promessa di innalzare i tassi di interesse tre volte. Questa azione determinerà il trend del mercato dell’oro nel 2017.

PREVISIONI

In questo momento ‘loro viene guidato dal momentum e il clima di ottimismo probabilmente proseguirà anche nella giornata di giovedì. Un test dell’area 1180,20-1193,40 potrebbe vedere l’ingresso di venditori, ma potremmo anche osservare una rottura provocata dalle quadrature di posizione in vista di rapporto sulle buste-paga del settore non agricolo USA in uscita venerdì.

FX Empire - the company, employees, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable jointly or severally for any loss or damage as link result of reliance on the information provided on this website. The data contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate.
FX Empire may receive compensation from the companies featured on the network.

All prices herein are provided by market makers and not by exchanges. As such prices may not be accurate and they may differ from the actual market price. FX Empire bears no responsibility for any trading losses you might incur as link result of using any data within the FX Empire.