FXEMPIRE
Tutti
coronavirus
Stai al Sicuro, SeguiGuida
Mondo
11,771,501Confermati
541,511morti
6,765,515Guariti
Recupero delle informazioni sulle posizione
Pubblicita'
Pubblicita'
James Hyerczyk
NB

Lunedì, i principali indici azionari dell’area Asia-Pacifico sono negoziati in rialzo su tutta la linea. Gli acquirenti stanno rispondendo a una ripresa dei rendimenti del Tesoro degli Stati Uniti, che potrebbe essere un segnale che il parlare di una recessione degli Stati Uniti potrebbe essere stato esagerato. Se ricordi, gli investitori in borsa hanno premuto il pulsante di panico all’inizio della scorsa settimana quando i rendimenti dei titoli del Tesoro USA a 2 e 10 anni hanno invertito.

Per alcuni, questa inversione ha segnalato una futura recessione negli Stati Uniti, ma i soldi intelligenti sapevano che la ricerca su questo indicatore era imprecisa a causa di un ritardo medio di 22 mesi tra il segnale e la recessione effettiva. Inoltre, il mercato azionario tende a muoversi in rialzo per circa 18 mesi dopo che il segnale è stato dato.

Le preoccupazioni per una recessione degli Stati Uniti sono diminuite anche quando il presidente Trump ha annunciato che avrebbe ritardato alcuni dei dazi sui beni cinesi fino a metà dicembre. Inoltre, il rapporto sulle vendite al dettaglio di luglio degli Stati Uniti migliore del previsto indicava che la crescita economica era ancora in aumento grazie della forte spesa dei consumatori.

Alle 06:53 GMT, l’indice giapponese Nikkei 225 era negoziato a 20563,16, in rialzo di 144,35 o + 0,71%. L’indice Hang Seng di Hong Kong ha continuato a registrare una ripresa spettacolare. È negoziato a 26317,35, in rialzo di 583,13 o + 2,27% e il KOSPI della Corea del Sud è a 1939,90, in rialzo del 12,73 o + 0,66%.

In Cina, l’indice di Shanghai era negoziato a 2879,53, in rialzo del 55,71 o + 1,97% e l’S&P / ASX 200 australiano ha chiuso a 6467,40, in rialzo di 61,90 o + 0,97%.

Relazioni commerciali USA-Cina

Non ci sono stati sviluppi sulla guerra commerciale tra Stati Uniti e Cina durante il fine settimana. All’inizio della scorsa settimana, il rappresentante commerciale degli Stati Uniti Robert Lighthizer, il segretario al Tesoro Steven Mnuchin e il principale cinese Liu Ha accettato di avviare trattative telefoniche entro due settimane, secondo una dichiarazione del Ministero del Commercio cinese. Non è stato menzionato se i negoziatori si sarebbero incontrati di persona il mese prossimo a Washington, come precedentemente previsto.

Nei suoi commenti ai giornalisti, il presidente Trump ha affermato che i suoi negoziatori hanno avuto una chiamata positiva con le loro controparti cinesi e che “vorrebbero davvero fare un accordo”.

Più tardi durante la settimana, i mercati azionari asiatici hanno registrato un brusco rialzo dopo che il principale negoziatore commerciale statunitense ha dichiarato che i nuovi dazi sui beni di consumo di fabbricazione cinese, inclusi telefoni cellulari, giocattoli e console per videogiochi, sarebbero stati ritardati fino al 15 dicembre. Trump ha dichiarato che la mossa è stata progettata in parte per evitare qualsiasi dolore per i consumatori durante le festività natalizie.

Giovedì, la Cina ha annunciato che avrebbe preso le “necessarie contromisure” se il presidente Trump avesse applicato i dazi che entreranno in vigore il 1 ° settembre, continuando l’escalation avanti e indietro della guerra commerciale anche quando il conflitto aumenta i timori di un rallentamento economico globale.

 

Pubblicita'
Non farti sfuggire nulla!
Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Fai Trading Con Un Broker Regolamentato

  • Il tuo capitale è esposto a rischio