Il clima natalizio sembra sostenere valute e borse

Barry Norman
forex-trading

Quella di oggi è l’ultima giornata completa di trading prima dell’inizio delle festività natalizie. Gli hedge fund e i fondi pensione stanno cominciando a porsi ai margini e a muoversi verso attività rifugio per investire il loro denaro. Nel corso della prossima settimana, il periodo festivo inizierà ad avvicinarsi all’effetto di gennaio. Molti trader vendono le posizioni per approfittare delle tasse o ritirano gli utili per ricomprare le attività a gennaio. In questo periodo, è difficile prevedere i prezzi, dato un volume di trading tanto basso.

Nella giornata di mercoledì, le borse asiatiche, pur con un basso volume di trading, si sono mosse in rialzo a seguito dell’andamento positivo di Wall Street e della stabilizzazione del greggio. A Hong Kong, l’Hang Seng ha guadagnato l’1,2%, salendo a quota 22086,08. In Corea del Sud, il Kospi è salito dello 0,6% a quota 2005,32. In Cina, lo Shanghai Composite si è mosso in rialzo dello 0,3%, raggiungendo quota 3662.69. In Australia, lo S&P/ASX 200 ha guadagnato lo 0,9%, toccando quota  5163,70. In Giappone, i mercati erano chiusi per festività.

A Wall Street, gli indici hanno registrato la seconda giornata di rialzi. Il Dow Jones è salito dell’1% per chiudere a quota 17417,27, mentre lo Standard & Poor’s 500 ha guadagnato lo 0,9, raggiungendo quota 2038.97. Il Nasdaq è aumentato dello 0,7%, toccando quota 5001,11.

Il dollaro si è mosso in lieve rialzo sullo yen, salendo a quota 121,02 da quota 121,01 raggiunta nella scorsa sessione. L’euro è sceso da 1,0951$ a 1,0937$.

Nella giornata di martedì, l’euro si era apprezzato sul dollaro, con la mossa che si aggiungeva ai guadagni del giorno precedente, mentre il prezzo del petrolio sperimentava una lieve ripresa. Secondo gli strateghi di mercato, l’euro ha beneficiato del crollo del prezzo del greggio. I trader hanno, infatti, ridotto le loro scommesse sulle valute legate al petrolio e hanno acquistato posizioni coperte short in euro, utilizzati per finanziare tali scommesse.

Gli investitori hanno potuto analizzare i dati contrastanti sugli Stati Uniti. A novembre, secondo l’Associazione Nazionale degli Agenti Immobiliari, le rivendite di abitazioni hanno subito il calo più grave in cinque anni. Per l’economia degli Stati Uniti, il dato rappresenta un potenziale segnale di avvertimento. Il Dipartimento del Commercio ha annunciato che, nel terzo trimestre, il Pil è cresciuto del 2,0% su base annuale: un risultato decisamente positivo, raggiunto grazie all’aumento dei consumi e degli investimenti delle imprese. Crescita e inflazione rafforzano l’ipotesi che la Federal Reserve continuerà ad aumentare i tassi di interesse a un ritmo costante nel corso del prossimo anno. Questa probabilità ha provocato un modesto innalzamento dei rendimenti dei titoli del Tesoro a breve scadenza.

Gli analisti temono che la Spagna attraverserà un lungo periodo di instabilità politica. Nessun partito dispone, infatti, della maggioranza assoluta e nessuna coalizione appare possibile. Quest’ultimo problema è diventato evidente a seguito delle dichiarazioni del capo del Partito Socialista, Pedro Sanchez, che ha dichiarato di non appoggiare nessuna alleanza con Mariano Rajoy, primo ministro attualmente in carica e presidente del Partito Popolare. Il rifiuto di una “grande coalizione” opposto da Sanchez ha consegnato un notevole capitale politico ai due partiti minori emergenti, Podemos e Ciudadanos.

Tra i due, Podemos sembrerebbe nella posizione negoziale più forte, avendo vinto 69 seggi e quasi il 21% dei voti. Il partito si oppone fermamente all’austerità e all’Unione Europea, considerandosi molto vicino a Syriza e allo Ukip.

In Asia, i mercati valutari sono stati influenzati da ben pochi dati nuovi, tra cui la bilancia commerciale della Nuova Zelanda. Il risultato ha superato le previsioni di un deficit di 810 milioni di dollari neozelandesi. A ottobre, il disavanzo era stato corretto al ribasso a 905 milioni di dollari neozelandesi. A novembre 2014, il deficit ammontava a 283 milioni di dollari neozelandesi.

Guidate da carne e frutta, le esportazioni sono aumentate di 40 miliardi di dollari neozelandesi, ossia dell’1,0% su base annua. Le esportazioni di latte in polvere, birro e formaggio sono diminuite del 3,3% a 1,2 miliardi di dollari neozelandesi. Il kiwi si è mosso in rialzo di 9 punti per raggiungere quota 0,6814, prossima al margine superiore della sua gamma di oscillazione di dicembre. Nel corso della mattinata, il dollaro statunitense ha recuperato qualche punto, venendo negoziato a quota 98,29 con guadagni limitati. L’Aussie è rimasto stabile nella sua tendenza al rialzo a quota 0,7235.

Non farti sfuggire nulla!

Scopri cosa sta muovendo i mercati. Iscriviti per un aggiornamento giornaliero consegnato alla tua email.

Ultimi Articoli

Vedi tutto

Espandi Le Tue Conoscenze

Vedi tutto

Migliori Promozioni

Migliori Broker

IMPORTANT DISCLAIMERS
The content provided on the website includes general news and publications, our personal analysis and opinions, and contents provided by third parties, which are intended for educational and research purposes only. It does not constitute, and should not be read as, any recommendation or advice to take any action whatsoever, including to make any investment or buy any product. When making any financial decision, you should perform your own due diligence checks, apply your own discretion and consult your competent advisors. The content of the website is not personally directed to you, and we does not take into account your financial situation or needs.The information contained in this website is not necessarily provided in real-time nor is it necessarily accurate. Prices provided herein may be provided by market makers and not by exchanges.Any trading or other financial decision you make shall be at your full responsibility, and you must not rely on any information provided through the website. FX Empire does not provide any warranty regarding any of the information contained in the website, and shall bear no responsibility for any trading losses you might incur as a result of using any information contained in the website.The website may include advertisements and other promotional contents, and FX Empire may receive compensation from third parties in connection with the content. FX Empire does not endorse any third party or recommends using any third party's services, and does not assume responsibility for your use of any such third party's website or services.FX Empire and its employees, officers, subsidiaries and associates, are not liable nor shall they be held liable for any loss or damage resulting from your use of the website or reliance on the information provided on this website.
RISK DISCLAIMER
This website includes information about cryptocurrencies, contracts for difference (CFDs) and other financial instruments, and about brokers, exchanges and other entities trading in such instruments. Both cryptocurrencies and CFDs are complex instruments and come with a high risk of losing money. You should carefully consider whether you understand how these instruments work and whether you can afford to take the high risk of losing your money.FX Empire encourages you to perform your own research before making any investment decision, and to avoid investing in any financial instrument which you do not fully understand how it works and what are the risks involved.
SEGUICI